Gli alleati hanno deciso di estendere il mandato del segretario generale alla luce della crisi ucraina. La nuova scadenza è fissata pochi mesi dopo le elezioni politiche nel nostro Paese e…

Jens Stoltenberg rimarrà segretario generale della Nato per un altro anno. Gli alleati hanno deciso di estendere il suo mandato a causa della situazione internazionale dopo l’invasione russa dell’Ucraina. La notizia era nell’aria a Bruxelles da diversi giorni. La conferma è arrivata da Sky News.

La decisione sarà annunciata formalmente durante la riunione dei leader dei 30 Stati membri dell’alleanza a Bruxelles oggi (giovedì 24 marzo, ndr).

La proroga vedrà Stoltenberg, ex primo ministro della Norvegia e già in predicato di diventare governatore della Banca centrale della Norvegia, rimanere come segretario generale oltre settembre, quando il suo mandato sarebbe dovuto scadere. È già il più longevo segretario generale della Nato, essendo in carica dal 2014.

Il suo nuovo mandato scadrà a settembre 2023, cioè dopo le elezioni politiche italiane previste nella primavera dell’anno prossimo. A quel punto potrebbero entrare in gioco per la guida della Nato anche Mario Draghi, oggi presidente del Consiglio, e Paolo Gentiloni, attualmente commissario europeo per l’Economia.

La proroga, mormora un ex diplomatico, è un’occasione da non perdere per l’Italia. Nel 2022 non eravamo pronti, dice. Ora, invece, possiamo guadagnare tempo, sperando di essere in grado di esprimere un candidato di livello, spiega sottolineando il lavoro del governo Draghi e di Lorenzo Guerini, ministro della Difesa, in questa fase complicata che ha permesso all’Italia di tornare all’interno del formato Quint con Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Germania.

Condividi tramite