Il designer e produttore modenese guadagna tre nuovi azionisti strategici e investe 100 milioni su una strategia che abbraccia tutti i mezzi elettrificati, dalle biciclette alle supercar. Altavilla (Ita) nel board

Unire la rivoluzione della mobilità elettrica con il design ineguagliato che distingue l’Italia nel mondo. Questo l’obiettivo che si prefigge la modenese Ares, dedita al design di lusso e alla costruzione di supercar e moto in serie unica. Il percorso strategico di crescita, iniziato nel 2021, è delineato nel nuovo piano di crescita globale che guarda alla mobilità elettrica, all’espansione della rete energetica e a continui investimenti con il sostegno di nuovi azionisti strategici provenienti dal settore automobilistico, finanziario e del lusso.

Si tratta rispettivamente di Alfredo Altavilla, attualmente al timone di Ita Airways (la newco nata dalle ceneri di Alitalia) e con il curriculum vitae arricchito da anni ai vertici del gruppo Fca e da una passione per le automobili; Boris Collardi (gruppo Julius Baer, gruppo Pictet e banca Efg), Marco Bizzarri (Gucci, Stella McCartney, Bottega Veneta, Kering). Altavilla e Collardi entreranno anche a far parte del board di Ares, insieme a Philippe Gaydoul, l’imprenditore svizzero diventato azionista nel 2019.

Alla guida di Ares Design si colloca invece Dany Bahar, che nel 2014 ha fondato l’azienda assieme al partner Waleed Al Ghafari.

L’obiettivo di Ares è espandere il proprio portafoglio esistente a partire dal Progetto S1, una supercar progettata internamente, e con la reinterpretazione dei SUV nel segmento del lusso. Parallelamente l’azienda modenese lavora al lancio di una serie di veicoli elettrici di lusso che abbracci l’intero arco dei mezzi elettrificati: biciclette, kick-scooter, scooter, motociclette e city car. Tutti i progetti, si legge in un comunicato stampa, saranno presentati in anteprima entro la fine del 2022.

In programma per quest’anno c’è anche l’espansione del settore espositivo con l’apertura di tre nuovi Studios negli aeroporti internazionali di Bologna, Milano e Londra. Questi nuovi spazi andranno ad ampliare la rete esistente, che va dagli Stati Uniti al Medio Oriente e tocca Miami, Marbella, Kitzbühel, Monaco di Baviera, St. Moritz, Zurigo, Modena e Dubai. Sono i luoghi in cui la divisione Ares Design mostra al mondo le sue capacità di progettazione, sviluppo, produzione e vendita di auto su misura (personalizzate e uniche) nel cuore dell’Italia e attraverso un network globale e in crescita di showroom.

L’azienda modenese supporterà il piano industriale con un investimenti di quasi 100 milioni di euro nei prossimi due anni, assieme a una una campagna di assunzioni per ampliare il personale esperto nella produzione, ingegneria e progettazione dei veicoli. Ares promette di porre l’accento sull’innovazione di prodotto, la distribuzione multicanale e la digitalizzazione di processi e servizi per fare del marchio un player riconosciuto a livello internazionale nel segmento dell’iperlusso.

Condividi tramite