I rischi economici aumentano mentre la guerra in Ucraina e l’impatto del Covid-19 causano una tempesta perfetta. La lunga via del Cairo analizzata da Marco Vicenzino

Per l’Egitto e molti altri mercati emergenti negli ultimi tempi si è concretizzata una tempesta perfetta. Gran parte della situazione attuale risiede in una combinazione di molteplici fattori avversi che stanno aggravando il deterioramento dello scenario globale. Tra questi, l’impatto economico post Covid-19 a livello internazionale e le continue interruzioni delle catene di approvvigionamento. Per l’Egitto ciò ha gravi implicazioni per i principali settori come il turismo e il tessile. Inoltre, l’impatto della guerra in Ucraina ha drasticamente esacerbato la situazione, in particolare per le importazioni di cibo dall’Egitto, e le implicazioni si faranno sentire per molto tempo.

Questo conflitto non finirà presto e imparare a gestire le conseguenze economiche rimane una sfida chiave per i responsabili politici a livello globale e principalmente per i mercati emergenti come l’Egitto. Un esempio è trovare modi innovativi per aumentare la produzione alimentare locale. È probabile che l’Egitto e il Fondo Monetario Internazionale raggiungano un accordo alla fine, nonostante le differenze, mentre gli Stati Uniti useranno la loro influenza sull’istituzione per garantire che Il Cairo ottenga ciò di cui ha bisogno e per contenere i rischi di una crisi del debito o di uno shock sulla valuta e tutto ciò che potrebbe comportare in termini di instabilità politica.

Tuttavia, è importante non escludere la possibilità che possano verificarsi complicazioni iniziali se il Fondo insistesse affinché l’Egitto allenti le sue restrizioni sui tassi di cambio. Terzo maggior beneficiario degli aiuti statunitensi, l’Egitto svolge un ruolo fondamentale nel garantire la stabilità in Medio Oriente e Nord Africa. Con la crescente insicurezza geopolitica e la volatilità economica nella regione e oltre, gli Stati Uniti faranno il necessario per garantire la stabilità interna dell’Egitto ed evitare episodi come la cacciata del regime di Hosni Mubarak nel gennaio 2011 o la recente cacciata del governo dello Sri Lanka, scenari che potrebbero crescere nei mercati emergenti con l’ulteriore deterioramento della situazione economica mondiale.

In questi tempi difficili, è importante che l’Egitto diffida pubblicamente le sue intenzioni e il suo impegno a onorare i suoi obblighi di debito. Tuttavia, la realtà è che il peggioramento della situazione economica mondiale sarà accompagnata da ulteriore incertezza e imprevedibilità. I creditori dell’Egitto ne sono consapevoli e dimostreranno ampiamente la flessibilità necessaria per adattarsi alle circostanze in via di sviluppo nel tempo.

La conclusione è che per gli Stati Uniti e i loro alleati in Europa e nel Golfo, l’Egitto rimane too big to fail. Nonostante le complicazioni, alla fine faranno tutto il necessario per garantire che l’Egitto rimanga a galla.

L’obiettivo chiave nell’immediato è il raggiungimento di un livello minimo e sufficiente di stabilizzazione, cercando di gestire efficacemente lo scenario attuale, afflitto da una crescente instabilità geopolitica e incertezza economica.

Per ora, è importante garantire che all’enorme popolazione egiziana di oltre 100 milioni di persone vengano fornite le basi, in particolare il cibo. L’attuale sforzo guidato dalle Nazioni Unite per garantire le esportazioni ucraine è fondamentale per questo processo di stabilizzazione dell’attuale crisi alimentare globale, in particolare per l’Egitto.

Condividi tramite