La morte di al-Zawahiri, avvenuta lo scorso 31 luglio a Kabul attraverso un drone, chiude un capitolo a lungo dimenticato, ma i suoi tempi, il significato e i risultati collaterali a cui si giungerà aprono domande scomode. L’opinione di Vas Shenoy

L’uccisione di Ayman al-Zawahiri, la guida ideologica di Al-Qaeda, porta una strana chiusura nella “Guerra al terrorismo” statunitense, iniziata l’11 settembre 2001. Al-Zawahiri, di origine egiziana, era noto per essere un confidente del saudita Osama bin Laden, pubblico nemico numero uno degli Stati Uniti, fino a quando non fu trovato e ucciso ad Abbottabad, in Pakistan, oltre 10 anni fa.

Il mondo si era quasi dimenticato di al-Zawahiri e di Al-Qaeda. Un tempo la principale organizzazione terroristica islamica mondiale, Al-Qaeda era ormai diventata una nota a piè di pagina, lasciando spazio ad organizzazioni più letali come l’Isis. Anche il terrorismo islamico si è ampiamente evoluto da quando Bin Laden e al-Zawahiri hanno ideato gli attacchi dell’11 settembre facendo cadere le torri gemelle, ma al-Zawahiri non ha avuto né le finanze né la sofisticatezza per passare al terrorismo 4.0.

La morte di al-Zawahiri, avvenuta lo scorso 31 luglio a Kabul attraverso un drone, chiude un capitolo a lungo dimenticato, ma i suoi tempi, il significato e i risultati collaterali a cui si giungerà aprono domande scomode. Dall’uccisione di Osama bin Laden, da parte dell’amministrazione Obama (di cui Biden è stato vicepresidente), il ruolo e l’importanza di al-Zawahiri sono stati sminuiti dagli analisti. Dopo la morte di bin Laden, da quando al-Zawahiri è stato proclamato capo, nessun attacco significativo all’Occidente è stato attribuito ad Al-Qaeda.

Dopo aver abbandonato frettolosamente l’Afghanistan meno di un anno fa, l’amministrazione Biden ha evitato l’Asia meridionale, consentendo a Cina e Russia di aumentare la loro influenza in Pakistan e Afghanistan. L’Asia meridionale è letteralmente in fiamme: il Myanmar è governato da una giunta militare filo-cinese che giustizia arbitrariamente attivisti democratici; i talebani controllano l’Afghanistan, il Tehrik-e-Taliban Pakistan (TTP) è in guerra con l’establishment pakistano nonostante lo stretto rapporto del Pakistan con i talebani afghani e il controllo dell’ISI sulla rete Haqqani. Sia il Pakistan che lo Sri Lanka stanno affrontando disastri economici senza precedenti nella storia moderna.

Nel momento in cui Nancy Pelosi fa tappa a Taipei il 3 agosto, generando non poco scalpore in Cina, l’amministrazione Biden autorizza un attacco di droni per uccidere il volto più famoso degli Usa dopo Osama bin Laden, anche se probabilmente non è mai stato così rilevante o importante nella “Guerra al terrorismo”.

Analisti indiani indicano un qui pro quo tra il governo Sharif con il tacito sostegno dell’esercito pakistano e l’Inter-Services Intelligence (ISI). Il Pakistan ha bisogno del sostegno degli Stati Uniti per l’ultima rata dell’FMI così da poter evitare il default economico. Altri analisti identificano invece nel giovane Mullah Yakoub, ministro della Difesa talebana, figlio del fondatore talebano Mullah Omar, la fonte che ha dato inizio al domino durante il suo viaggio a Doha, che si è concluso con l’uccisione di Al-Zawahiri.

Qualunque fosse la fonte dell’intelligence, tutti gli aspetti di questa “azione di giustizia” sono ugualmente allarmanti.

La notizia della morte di al-Zawahiri distoglie l’attenzione dalla guerra in Ucraina che ha dominato i titoli dei giornali dall’attacco russo all’Ucraina avvenuto lo scorso febbraio. Segue rapidamente la visita di Nancy Pelosi a Taipei, che ha già sollevato tensioni con la Cina e fatto precipitare i mercati per i timori di un conflitto Usa-Cina. Le amministrazioni statunitensi tentano deliberatamente di cambiare la narrativa delle notizie, quindi la telefonata del segretario di Stato Anthony Blinken al suo omologo russo Sergey Lavrov potrebbe indicare che la Casa Bianca di Biden si prepara a districarsi lentamente dal disastro ucraino, soprattutto dopo aver perso alleati chiave in Francia, Italia e Regno Unito.

Di fronte alle elezioni di medio termine che avverranno il prossimo novembre, la mossa della presidente Pelosi di visitare Taipei è audace e forse un po’ disperata. Questo è probabilmente l’ultimo atto internazionale di Nancy Pelosi in carica dopo una lunga carriera nel servizio pubblico. Una sconfitta a metà mandato per i democratici significherebbe che Biden sarebbe un presidente “zoppo” per il resto del suo mandato e un congresso repubblicano potrebbe costringere la Casa Bianca a ricalibrare le priorità.

L’uccisione di al-Zawahiri formalizza finalmente la farsa degli accordi di Doha. Mentre i talebani hanno rinnegato quasi tutte le clausole dell’accordo, la scoperta di al-Zawahiri a Kabul ora consente agli Stati Uniti di mettere formalmente da parte gli accordi di Doha.

L’uccisione mette alle strette anche la rete Haqqani, uno dei due principali partner dell’attuale organizzazione talebana afgana. Tradizionalmente, secondo Pashtunwali (il codice d’onore pashtun) l’uccisione di un ospite d’onore come al-Zawahiri, non può restare invendicata. Qualsiasi rappresaglia da parte degli Haqqani metterà i pakistani in una situazione di tensione con gli americani. L’establishment pakistano sta facendo un ulteriore passo avanti per ingraziarsi gli americani, data la loro necessità di sostegno finanziario per riparare il tracollo economico lasciato dall’ex primo ministro Imran Khan.

Va sottolineato anche che l’uccisione di al-Zawahiri è avvenuta in un momento delicato per il Pakistan. A parte la sua situazione economica disastrosa, i colloqui mediati dai talebani afgani con il TTP si sono conclusi con una situazione di stallo, creando una pericolosa situazione di insicurezza all’interno del Pakistan. Con diversi gruppi terroristici estremisti islamici anti-indiani residenti nel paese, l’esercito laico pakistano ora si trova circondato da nemici sia fuori che dentro.

Nonostante le agenzie di sicurezza indiane avessero già precedentemente messo in guardia sulla situazione, entrambi i Paesi sono ora sempre più preoccupati per il deterioramento della sicurezza del Pakistan, che, irrimediabilmente, si estenderà anche all’India. Le voci sull’assistenza del governo civile pakistano nell’uccisione di un devoto mujahid come al-Zawahiri peggioreranno la situazione in Pakistan. La dichiarazione del segretario Blinken è stata piuttosto vaga sugli alleati coinvolti, lasciando ampio spazio per puntare il dito contro il governo Shahbaz Sharif.

Se miracolosamente il coinvolgimento del Pakistan dovesse essere cancellato, l’altra opzione sarebbe incolpare il Mullah Yakoub e la fazione dei Talebani Loy Kandahar. Questo, quasi certamente, porterebbe a una guerra civile in Afghanistan, che farà precipitare il paese a livelli disastrosi mai visti prima. Sebbene difficile da credere, al-Zawahiri sarebbe potuto essere un regalo dell’intelligence russa agli americani poiché l’appello di Blinken-Lavrov potrebbe aver aperto canali di comunicazione e cooperazione e questo potrebbe essere considerato un gesto di buona volontà.

Qualunque sia la fonte dell’informazione, la morte di al-Zawahiri provocherà uno sconvolgimento all’interno dell’Al-Qaeda, con l’insediamento di una nuova leadership.

D’altro canto, una Casa Bianca debole e litigiosa con una chiara mancanza di direzione e di convinzione, con un presidente anziano e confuso al timone, è l’incubo del mondo in tempi così precari. Un tale attacco, volto a dimostrare la supremazia degli Stati Uniti sul terreno, a causa del suo tempismo e del suo obiettivo, finisce per mostrare il contrario. Invece di celebrare la chiusura della tragedia dell’11 settembre, con l’uccisione di Ayman al-Zawahiri, Biden apre il vaso di Pandora che sarebbe stato meglio non aprire.

Condividi tramite