Il presidente indonesiano ha confermato la partecipazione dei due leader al vertice di Bali. I punti dell’agenda e le tensioni geopolitiche e militari

La turistica isola di Bali sarà lo scenario di uno degli incontri più attesi degli ultimi tempi, l’appuntamento faccia a faccia tra il presidente cinese Xi Jinping e il presidente russo Vladimir Putin. Entrambi i leader parteciperanno al vertice del G20 in programma alla fine dell’anno in Indonesia.

A confermare gli invitati è stato il presidente indonesiano, Joko Widodo, in un’intervista con il direttore di Bloomberg John Micklethwait: “Xi Jinping verrà. E anche il presidente Putin mi ha detto che verrà”. “La rivalità dei grandi paesi è davvero preoccupante – ha aggiunto Jokowi. Ciò che vogliamo è che questa regione sia stabile, pacifica, in modo da poter costruire una crescita economica. E penso non solo all’Indonesia: anche i paesi asiatici vogliono la stessa cosa”.

Questa è la prima volta che viene confermata la partecipazione di Xi e Putin all’evento di novembre in Indonesia. L’incontro potrebbe generare qualche tensione con i leader occidentali, specialmente con il presidente americano, Joe Biden. L’agenzia Bloomberg sostiene che Biden e Xi hanno lasciato aperta la possibilità di svolgere un meeting bilaterale a margine del summit in Indonesia.

Il vertice di Bali potrebbe diventare il primo appuntamento ufficiale tra Putin e Xi dopo l’annuncio dell’alleanza senza limiti tra la Russia e la Cina. Inoltre, sarà la prima volta che i leader del G20 si incontreranno di persona dopo l’inizio della guerra russa in Ucraina. Sarebbe anche il primo incontro tra Putin e il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky.

Tuttavia, a oggi l’unica conferma arriva dalla presidenza indonesiana. Wang Wenbin, portavoce del ministero degli Esteri cinese, non ha voluto confermare il viaggio del leader di Pechino, che non è mai uscito dalla Cina dall’inizio della pandemia da Covid-19. Il presidente Putin però ha discusso con l’omologo indonesiano i preparativi del vertice del G-20 a Bali durante una conversazione telefonica, ma il Cremlino non ha confermato la presenza del presidente al vertice.

L’Indonesia ha cercato di bilanciare i legami tra le maggiori potenze, respingendo le pressioni per escludere la partecipazione della Russia. Il presidente indonesiano dice di non essere preoccupato dalle tensioni tra Cina e Stati Uniti per Taiwan, sostenendo che i leader mondiali devono concentrarsi su altri problemi, come la crisi energetica, alimentare e la gestione dell’emergenza sanitaria per il Covid-19.

“L’Indonesia vuole essere amica di tutti – ha concluso. Non abbiamo problemi con nessun Paese. Ogni paese avrà il proprio approccio. Ogni leader ha il proprio approccio. Ma ciò che serve all’Indonesia sono gli investimenti, la tecnologia che cambierà la nostra società”.

Ecco il video dell’intervista completa al presidente Joko Widodo su Bloomberg. 

Condividi tramite