Pubblichiamo l’intervento di Elissa Golberg, ambasciatrice del Canada in Italia, all’evento “Beyond Fake News: The Power of Media Professionals in the Fight Against Disinformation” organizzato il 7 settembre scorso dalle ambasciate di Canada, Regno Unito e Stati Uniti, in collaborazione con Luiss Data Lab

(…) Se il ricorso alla disinformazione per indebolire gli avversari e seminare discordia nella società può essere vecchio come il mondo, ciò che vediamo oggi è più sfacciato. Soprattutto quando è messa in atto da governi stranieri o dai loro sostenitori. Basti pensare all’aggressiva campagna di disinformazione della Russia contro l’Ucraina. O in Canada, il convoglio e le proteste contro le autorità a cui abbiamo assistito nei mesi scorsi. Altrove, attori statali e non statali ostili hanno preso di mira anche le elezioni nazionali e subnazionali. (…)

E gli strumenti digitali ora facilmente disponibili fanno sì che la portata della disinformazione sia molto più ampia, con conseguenze volute e non volute offline – con conseguenze più difficili da affrontare per noi ma anche più profonde per la pace, la stabilità e la solidarietà sociale, la giustizia e i diritti umani. La pandemia globale ha creato un terreno ancora più fertile per la diffusione della disinformazione – popolarmente definita “infodemia”.

Per le democrazie, la nostra apertura è la nostra forza. Abbiamo prosperato perché abbiamo la capacità di condividere e discutere liberamente e attivamente le idee. Naturalmente questo si basa su fonti di notizie diverse e affidabili e su informazioni basate su un insieme condiviso di fatti che possono aiutare tutti noi a formarci un’opinione. Ciò che è così dannoso della disinformazione odierna è il suo impatto sul dibattito serio con il vicino, il collega. (…) Mina la fiducia dei cittadini gli uni negli altri, negli esperti e nelle competenze, e una vittima particolare è stata la fiducia nei governi. (…) E naturalmente questo è il punto, soprattutto per gli attori malintenzionati che trafficano e diffondono la disinformazione.

Ma questo è un gioco profondamente pericoloso e rischioso (…). Come abbiamo visto, l’assistenza sanitaria all’interno e all’esterno dei confini può essere compromessa. Si possono scatenare insurrezioni. Persone perseguitate o uccise. Portato all’estremo a livello globale, la disinformazione rischia di far scoppiare guerre e violenze.

Questa è l’analisi.

Come possiamo quindi vaccinarci? Ci auguriamo che l’evento di oggi possa aiutare a individuare strategie pratiche per costruire consapevolezza e resilienza per affrontare meglio questo fenomeno.

In particolare, il focus odierno sul ruolo dei giornalisti e del giornalismo nella lotta alla disinformazione riflette l’importante ruolo dei media nel riportare i fatti in modo indipendente e accurato e nel dire la verità al potere. I media svolgono un ruolo essenziale nel promuovere la conoscenza, la fiducia e la sicurezza dei cittadini. Siamo molto fortunati ad essere affiancati da un gruppo di giornalisti di spicco provenienti dai nostri quattro rispettivi Paesi che ci aiuteranno a farlo, tra cui il pluripremiato giornalista canadese Craig Silverman, un pioniere del settore e uno dei maggiori esperti mondiali di disinformazione online.

Si tratta di un problema che il Canada sente molto vicino. Abbiamo adottato molte misure per affrontare la crescente minaccia della disinformazione.

Tra queste, la nostra Iniziativa per i cittadini digitali, volta a sostenere la società civile e il mondo accademico per migliorare l’alfabetizzazione digitale e aumentare la consapevolezza, e la creazione di partenariati internazionali per monitorare la disinformazione straniera. Il lavoro che stiamo conducendo attraverso il Meccanismo di risposta rapida del G7, che il Canada è onorato di ospitare, la Coalizione per la libertà online, la Coalizione globale per la libertà dei media e l’International IDEA sono tutti buoni esempi di questa collaborazione internazionale.

Oggi mi auguro vivamente di riuscire ad individuare sempre più modi per collaborare come partner e promuovere un giornalismo di alto livello, in modo da rafforzare la fiducia del pubblico nell’informazione basata sui fatti.

 

(Traduzione di Formiche.net)

Condividi tramite