“Il Generale Carlo Alberto dalla Chiesa con il suo impegno nella lotta al terrorismo e alla mafia è stato, fino al sacrificio estremo, un modello di fedeltà allo Stato e ai suoi più alti valori democratici: libertà e legalità”. Le parole di Luigi Ferraris alla presentazione del Frecciarossa Torino-Reggio Calabria che celebra il generale caduto per mano della mafia 40 anni fa

Fino al 31 ottobre sui binari della rotta ferroviaria Torino-Reggio Calabria viaggerà un Frecciarossa dedicato al Generale Carlo Alberto dalla Chiesa, con l’immagine del suo volto e una sua celebre frase impresse sulle fiancate del treno.

Il progetto è nato per commemorare il sacrificio del generale a 40 anni dal brutale eccidio di via Isidoro Carini a Palermo ed è stato presentato oggi con una cerimonia alla quale hanno partecipato il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, il Comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Generale di Corpo d’Armata, Teo Luzi e l’Amministratore Delegato del Gruppo FS Italiane Luigi Ferraris.

Il Frecciarossa ha una livrea esterna sulla quale è stato riprodotto il volto del generale dalla Chiesa, la data di nascita e di morte e una sua frase simbolica: “Certe cose non si fanno per coraggio, si fanno solo per guardare più serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei nostri figli”.

“Il Generale Carlo Alberto dalla Chiesa con il suo impegno nella lotta al terrorismo e alla mafia è stato, fino al sacrificio estremo, un modello di fedeltà allo Stato e ai suoi più alti valori democratici: libertà e legalità. Con questo Frecciarossa a lui dedicato il Gruppo FS”, ha dichiarato l’amministratore delegato di FS Luigi Ferraris. “Iintende mantenerne vivo il ricordo e l’esempio e riaffermare con forza quei valori che sono anche alla base della nostra cultura d’impresa”.

“L’idea di dedicare al Generale Carlo Alberto dalla Chiesa la livrea di un treno che idealmente unisce, ogni giorno, tutta l’Italia da nord a sud e viceversa, ha un valore simbolico particolarmente importante. L’ammirevole iniziativa di ricordare alle migliaia di passeggeri, italiani e stranieri, chi fosse il Generale dalla Chiesa e quanto importante sia stato il suo estremo sacrificio nella lotta alla mafia, renderà ogni viaggio su questo treno un’occasione unica”, ha detto il Comandante Generale dei Carabinieri,  Teo Luzi, rivolgendo anche “un pensiero speciale ai tanti ragazzi, magari giovani fidanzati, che si saluteranno – davanti a questa livrea – prima di salire a bordo di questo Frecciarossa. Il mio augurio è che possano dedicare un minuto alla memoria del Generale, il quale ha tanto creduto in loro e nella formazione della loro cultura alla legalità, unica arma sempre efficace contro le mafie”.

L’immagine del Generale Carlo Alberto dalla Chiesa verrà esposta anche sui monitor a bordo di tutte le Frecce, sulle self-service e sui totem posti nei Freccia Lounge e Freccia Club presenti nelle stazioni attraversate dal Frecciarossa livreato.

 

Condividi tramite