Chiuso il vertice in Indonesia, la presidenza passerà a Nuova Delhi, che l’anno prossimo dovrebbe superare la Cina come Paese più popoloso del mondo. L’anno del G20 indiano promette di essere tutt’altro che noioso. Con una piena ripresa dalla pandemia e le tensioni in Asia con la Cina, l’India eredita anche la responsabilità morale di controllare le ambizioni bellicose del suo alleato russo

Il 17° vertice dei capi di Stato e di governo del G20 si tiene a Bali in un panorama geopolitico globale in rapida evoluzione. Il gruppo rappresenta oltre l’80% del prodotto mondiale lordo, il 75% del commercio mondiale, due terzi della popolazione mondiale e il 60% della superficie terrestre mondiale. Sebbene il raggruppamento sembri molto inclusivo, è fortemente dominato dalle più grandi economie del mondo data la sua natura e ha una rappresentanza limitata dai Paesi in via di sviluppo e dai Paesi poveri fortemente indebitati, che spesso sopportano il peso in termini economici e ambientali delle decisioni prese da quello che è il “big boys club”.

Il G20 di quest’anno è incentrato sull’ambiente, sul riscaldamento globale e sulla ripresa dalla pandemia, ma rappresenta anche una pietra miliare fondamentale in diverse aree. Il primo obiettivo sarà la guerra in Ucraina che sta devastando l’economia globale, aumentando l’insicurezza alimentare ed energetica con un’inflazione record a livello globale. L’ultimo vertice G20 a Roma si era concentrato sulla pandemia e sulla resilienza della catena di approvvigionamento, la maggior parte dei leader non si aspettava di dover affrontare un’imminente crisi alimentare ed energetica nel giro di 12 mesi. L’invasione russa dell’Ucraina ha cambiato tutto questo.

Questo G20 è più importante per gli incontri bilaterali a margine, soprattutto data la sua posizione nell’Indo-Pacifico, hotspot per la prossima resa dei conti globale. L’Indonesia, una potenza laica e multiculturale del Sud-Est asiatico, è anche il Paese musulmano più popoloso del mondo. Al termine di questo vertice la presidenza passerà dall’Indonesia all’India, il terzo Paese per popolazione di musulmani a livello globale e la più grande democrazia del mondo. Le Nazioni Unite prevedono che entro il prossimo vertice G20 a Nuova Delhi l’India supererà la Cina come Paese più popoloso del mondo. Il crocevia culturale in cui il mondo si trova, con l’estremismo islamico e la minaccia imminente che le democrazie nel Sud-Est asiatico subiscono a causa dell’aggressione cinese, sono entrambi argomenti pertinenti che sia l’India sia l’Indonesia affrontano regolarmente. L’Indonesia, nella sua saggezza, ha ospitato quest’anno il vertice a Bali, un’isola a maggioranza indù in un Paese laico a maggioranza musulmana.

In questo contesto Bali è un’enorme pietra miliare per le potenze mondiali per superare le loro differenze e decelerare la marcia verso un conflitto globale che finora è sembrato imminente. Per la prima volta due primi ministri indù saranno presenti a un vertice del G20, l’indiano Narendra Modi e il britannico Rishi Sunak. Sunak è il primo premier di origine coloniale del Regno Unito. È anche la prima volta che l’Italia è rappresentata da una donna: il primo impegno multilaterale di Giorgia Meloni, presidente del Consiglio, dopo la Cop27 in Egitto sarà il vertice del G20 dove incontrerà il presidente statunitense Joe Biden, Modi, il leader cinese Xi Jinping e altri leader internazionali in contesti bilaterali e multilaterali. Sarà l’unica leader donna a rappresentare un Paese del G20 con 18 colleghi uomini, una triste testimonianza del divario di genere che affligge la leadership del mondo moderno. L’unica altra leader donna presente è Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea. Il primo vertice multilaterale internazionale del presidente Meloni è un battesimo del fuoco dove ha sulle spalle grandi responsabilità e le speranze di un continente.

Nel suo secondo viaggio internazionale dopo l’inizio della pandemia, il presidente Xi sembra aver toccato corde di pace. È anche il suo primo vertice multilaterale dopo che il Partito comunista cinese lo ha eletto per un terzo mandato come leader supremo del Paese, confermando la concentrazione di tutto il potere nelle sue mani. La Cina è ufficialmente passata dall’essere un Paese governato da un unico partito a formalmente una dittatura di un uomo. Durante l’incontro di tre ore con Biden, è stato molto conciliante. La Cina, per la prima volta, ha negato di essere stata informata della “operazione militare speciale” della Russia durante la visita del presidente russo Vladimir Putin a Pechino a febbraio per le Olimpiadi invernali, che inizia il cambio di posizione della Cina. L’attuale posizione di Xi oggi con Biden è radicalmente opposta a quella della bellicosa Cina durante la visita del speaker Nancy Pelosi a Taiwan. L’attuale posizione pacifica della Cina al G20 potrebbe anche derivare dal controllo indiscusso del suo leader sul suo paese e quindi dalla mancanza di bisogno di grandiosità. Il pacifista Xi potrebbe anche essere dovuto al fatto che le sanzioni stanno già incidendo sull’economia cinese e un cambiamento di atteggiamento potrebbe aiutare ad allentare le tensioni consentendo a Xi di concentrarsi sulla ricostruzione dell’economia cinese che ha sofferto durante la pandemia.

Xi non è l’unico leader che sta cercando di usare il vertice di Bali per ribaltare le sue fortune politiche. Il recente attacco terroristico a Istanbul ha offerto al presidente turco Recep Tayyip Erdogan l’opportunità di utilizzare il G20 per portare avanti la sua agenda di costringere gli Stati Uniti a consentirgli di agire contro i curdi siriani. A tempo di record, l’intelligence turca ha risolto il mistero dell’attacco di Istanbul come di aver originato da Kobani, la sede dei curdi siriani. il ministero degli Affari esteri turco ha respinto le condoglianze dell’ambasciata statunitense. Si prevede che Erdogan utilizzerà il palcoscenico con i leader mondiali e il presidente Biden per sfruttare il recente attacco di Istanbul per massimizzare i guadagni sul fronte curdo. La Turchia continua a usare il suo veto alla Nato per l’ingresso svedese e finlandese nel club transatlantico, potenzialmente per volere della Russia.

Le mosse più importanti sono probabilmente attese dal presidente Putin, assente a Bali. L’Indonesia ha resistito alle pressioni per cancellare l’invito alla Russia dal vertice e il Paese è rappresentato da Sergej Lavrov, ministro degli Esteri. Il ritiro strategico della Russia da Kherson pochi giorni prima del vertice dei capi di stato del G20 a Bali potrebbe preludere all’avvio di un negoziato tra la Russia e le potenze mondiali? Bali sarà sicuramente cruciale per qualsiasi sentimento informale che i russi vogliono lanciare con gli Stati Uniti e la comunità internazionale per un potenziale accordo di pace.

Nonostante la particolarità di Bali, la ricaduta di tutti i negoziati e gli accordi sottobanco nell’isola indonesiana continueranno a Nuova Delhi mentre l’India riceverà il martelletto alla fine di questo vertice e assumerà la presidenza del G20 dal 1° dicembre. Mentre il primo ministro Modi ha annunciato una continuazione del suo “Vasudhaiva Kutumbakam” o “il mondo non è che una famiglia” come credo diplomatico indiano e tema del G20, sono le spalle di Modi che erediteranno qualsiasi mediazione in questo dramma globale in rapida evoluzione.

L’anno del G20 indiano promette di essere tutt’altro che noioso. Con una piena ripresa dalla pandemia e le tensioni in Asia con la Cina, l’India eredita anche la responsabilità morale di controllare le ambizioni bellicose del suo alleato russo. Sarà il successo di Modi se sarà in grado di utilizzare questa piattaforma per creare la pace in Europa e trovare un equilibrio con l’arci-rivale Cina. Sia Modi sia Xi riconoscono che se questo deve essere il secolo dell’Asia, allora il dragone cinese e l’elefante indiano devono ballare quello che è un tango scomodo e il G20 indiano potrebbe essere l’occasione giusta per iniziare. Xi e Modi sfrutteranno questa opportunità per creare un accordo di pace tra i due giganti asiatici? Solo il tempo lo dirà.

Soprattutto Modi ha il potere di rendere il G20 oltre l’economia rendendolo più inclusivo invitando i Paesi ospiti a rappresentare le voci dei vulnerabili. Nel 2022, dove il mondo è più vicino di quanto non sia mai stato a una terza guerra mondiale nucleare e siamo sull’orlo di una armageddon ambientale ed economica, la leadership dell’India potrebbe rivelarsi decisiva per creare un ambiente inclusivo e affrontare altri conflitti senza fine come la Somalia, Siria, Yemen, Libia creando un nuovo paradigma diplomatico per la risoluzione dei problemi globali.

La più grande democrazia e presto il Paese più popoloso ha le credenziali e il puro potere dell’umanità per creare il cambiamento e ha anche molto da perdere in caso di fallimento. È sulle fondamenta di Bali, un’antica città indiana, che inizia il futuro dell’India come superpotenza.

Condividi tramite