Riceviamo e pubblichiamo l’intervento del ministro degli Esteri di Taiwan, Joseph Wu, che chiede l’inclusione di Taipei nelle strutture delle Nazioni Unite: “Insieme siamo più forti. È il momento di agire in base a questo principio fondamentale, includendo Taiwan”

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ci ricorda come alle autocrazie importi poco di causare morte e distruzione. La guerra è una grave violazione dei diritti umani e del principio della risoluzione pacifica delle controversie internazionali codificato nella Carta delle Nazioni Unite, che ha contribuito a mantenere l’ordine internazionale basato sulle regole e a mantenere il mondo in relativa pace dalla fine della Guerra Fredda.

Le conseguenze umanitarie ed economiche della guerra hanno anche dimostrato che in un mondo globalizzato le crisi non possono essere contenute all’interno dei confini nazionali. È quindi indispensabile impedire che simili minacce alla sicurezza globale si verifichino altrove. Taiwan — una democrazia di oltre 23 milioni di persone e che io rappresento con orgoglio — continua ad affrontare le enormi sfide poste dalla Cina.

Dalla metà del XX secolo, la Repubblica Popolare Cinese (Prc) ha giurato di assumere il controllo di Taiwan e si è rifiutata di rinunciare all’uso della forza, pur non avendo mai governato Taiwan. Per decenni, la popolazione di Taiwan è rimasta calma nel salvaguardare lo status quo di pace e stabilità nello Stretto di Taiwan. Tuttavia, con la crescita della sua potenza economica e militare, la Cina è diventata sempre più aggressiva mostrando i suoi muscoli militari per intimidire Taiwan, minacciando così il nostro stile di vita democratico. Ciò include l’invio di aerei da guerra e navi attraverso la linea mediana dello Stretto di Taiwan e l’invasione delle nostre zone di identificazione della difesa aerea. Ha anche intensificato le tattiche gray-zone, come la disinformazione e la coercizione economica, nel tentativo di fiaccare la nostra volontà di combattere.

L’espansionismo della Prc non si ferma a Taiwan. Le attività gray-zone della Cina nel Mar Cinese Orientale e Meridionale sono finalizzate all’espansione del suo potere e alla conferma delle sue rivendicazioni territoriali. Oltre ad aver firmato un accordo di sicurezza con le Isole Salomone nel Pacifico meridionale, la Prc ha messo in sicurezza i porti per un futuro uso militare nell’Oceano Indiano. Tutte queste manovre stanno causando gravi preoccupazioni sul fatto che la pace sta diventando più difficile da mantenere.

Garantire la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan è nell’interesse di tutti. Ogni giorno, metà del traffico mondiale di container commerciali passa attraverso lo Stretto di Taiwan. Taiwan produce la maggior parte dei semiconduttori del mondo e svolge un ruolo chiave nelle catene di approvvigionamento globali. Qualsiasi conflitto nell’area avrebbe conseguenze disastrose per l’economia globale.

Negli ultimi anni, i forum bilaterali e multilaterali hanno ripetutamente sottolineato che la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan sono indispensabili per la sicurezza globale. Sebbene siamo tutti d’accordo sulla necessità di evitare la guerra, il modo migliore per farlo richiede inclusione, dialogo e, soprattutto, unità.

Le Nazioni Unite rimangono la migliore piattaforma per un discorso globale. I funzionari delle Nazioni Unite parlano spesso di soluzioni congiunte, solidarietà e inclusione nell’affrontare i problemi più urgenti del nostro tempo. Taiwan è più che disposta e in grado di partecipare a questi sforzi.

Tuttavia, Taiwan continua a essere esclusa dalle Nazioni Unite a causa della distorsione da parte della Cina della Risoluzione 2758 dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Questa risoluzione non afferma che Taiwan è una parte della PRC né dà alla PRC il diritto di rappresentare il popolo di Taiwan all’interno delle Nazioni Unite e delle sue agenzie specializzate. In realtà, la risoluzione determina solo chi rappresenta lo Stato membro Cina, un fatto che la comunità internazionale e la Cina stessa hanno riconosciuto dopo il voto del 1971. Il successivo travisamento della Risoluzione 2758 contraddice i principi fondamentali sostenuti dalla Carta delle Nazioni Unite e deve essere rettificato.

La 78ma sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, che sarà incentrata sul tema “Ricostruire la fiducia e riaccendere la solidarietà globale”, è opportuna alla luce di una serie di ampie sfide globali. Ad esempio, gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sdg) delle Nazioni Unite sono stati concepiti come un progetto condiviso per la pace e la prosperità. Tuttavia, l’ultimo rapporto sui progressi degli Sdg ha mostrato che solo il 12% degli obiettivi è in regola, mentre i progressi sul 50% sono rimasti insufficienti. E su oltre il 30%, ci siamo arenati o addirittura regrediti.

Sebbene non esistano risposte facili, il primo passo è il dialogo. In quanto istituzione veramente globale, l’Onu può fungere da paladino del progresso. Chiediamo all’Onu di sostenere il suo principio di non lasciare indietro nessuno, permettendo a Taiwan di partecipare al sistema delle Nazioni Unite, piuttosto che escluderla dalle discussioni su questioni che richiedono una cooperazione globale. Un buon primo passo sarebbe quello di permettere a individui e giornalisti taiwanesi di partecipare o coprire le riunioni pertinenti, oltre a garantire una partecipazione significativa di Taiwan alle riunioni e ai meccanismi riguardanti gli SDG.

L’incredibile coraggio e la resilienza dell’Ucraina hanno ispirato i Paesi di tutto il mondo. La guerra in Ucraina ha creato un nuovo senso di unità nel mondo. L’unità è fondamentale per respingere l’aggressione della Russia e per preservare i valori universali, come i diritti umani e la pace globale in generale.

È fondamentale far capire alla Cina e ad altri governi autoritari che saranno ritenuti responsabili ed esortarli a risolvere le divergenze con mezzi pacifici. Consentire a Taiwan di partecipare in modo significativo al sistema delle Nazioni Unite gioverebbe agli sforzi del mondo per affrontare le questioni globali più urgenti. Ciò dimostrerebbe anche la determinazione delle Nazioni Unite a unirsi per la pace globale in un momento critico in cui è in gioco il futuro del mondo.

Insieme siamo più forti. È il momento di agire in base a questo principio fondamentale, includendo Taiwan.

Condividi tramite