Chiunque vinca alle urne, la cultura ha già perso