Una medaglia al petto? Vale più dei bonus per i top manager