La lezione (dimenticata?) della Banca Romana