Germania, gli immigrati e gli editori