Per una geometria dell’immaginario: trasformazioni conformi non conformiste