Cavalier Aldullo e Re Giorgio sulla Costituzione