La Disney e l’identità di genere. Scrive il prof. Celotto