Perché il Nobel al Wfp è un assist per il G20 italiano. Scrive l’amb. Castellaneta

ll Nobel per la pace conferito al World Food Programme può offrire un traino importante al governo e in particolare al nostro ministero degli Esteri per la definizione dell’agenda del G20 ma anche nel raccogliere consenso e supporto dagli altri Stati membri. Il commento di Giovanni Castellaneta, già ambasciatore d’Italia negli Stati Uniti e presidente onorario del Comitato italiano per il Wfp

Un Nobel per la Pace a... Roma. Il valore del WFP spiegato da Emanuela Del Re

La viceministra agli Affari esteri festeggia il Nobel per la pace assegnato al World Food Programme: “È un premio anche all’Italia, che ospita un importantissimo hub a Brindisi”. E a chi critica il multilateralismo risponde: “Agire assieme contro l’insicurezza alimentare non è solo un dovere morale: è anche questione di interesse visto che tutto il mondo è interconnesso”