Più Lombardi e meno Berlinguer per rinascita della sinistra