L'amarcord di Sorrentino, felliniano ma non troppo