Sindacati "competenti" sui giovani?