“Presepe Vivente” di Casole d’Elsa: un suggestivo ritorno al passato