Moro

Aldo Moro, la loquacità di Raffaele Cutolo e i silenzi degli aguzzini dello statista dc

I Graffi di Damato