Egitto, se i costituenti fanno il gioco dei militari