Così la Via della Seta colpisce ancora, anche in Kazakistan (grazie a Khorgos)