Come sostenere la natalità?

Come sostenere la natalità?
Il "Senno di Po" con l'opinione di Laura Puppato

Che fare con la legge sull’aborto? Qual è il modello regionale da seguire? E come si può sostenere anche economicamente la natalità? Sono alcune domande alle quali risponde l’esponente del Pd, Laura Puppato, sentita da Ruggero Po, che su Formiche.net cura l’audio-rubrica “Il Senno di Po”.

 

 

ECCO LE ULTIME PUNTATE DEL SENNO DI PO:

COSA FUNZIONA (E COSA NON FUNZIONA) NELLE CORSE DI UBER

Perché i tassisti protestano contro Uber? Come operano i free lance per Uber? E dove paga le imposte l’app del trasporto privato che fa sempre più concorrenza ai taxi? A queste e ad altre domande risponde Riccardo Staglianò, giornalista di Repubblica, autore di saggi sulle nuove tecnologie (come il recente “Al posto tuo” edito da Einaudi).

COME L’ITALIA PUO’ EVITARE LE SANZIONI DI BRUXELLES PER ECCESSO DI SMOG?

La Commissione Ue ha dato il via alla seconda fase della procedura d’infrazione contro l’Italia e altri Paesi – Germania, Francia, Spagna e Gran Bretagna – per l’inquinamento eccessivo da biossido d’azoto (NO2) riscontrato nell’aria di città come Roma, Milano, Torino, Berlino, Londra e Parigi. Ai Paesi finiti nel mirino di Bruxelles è stato quindi inviato un parere motivato nel quale si contesta la violazione della direttiva Ue del 2008 e si chiede di spiegare entro due mesi come intendono mettersi in regola.

La Commissione europea, si legge in una nota, ha inviato un ultimo avvertimento a Germania, Francia, Spagna, Italia e Regno Unito perché “non hanno affrontato le ripetute violazioni dei limiti di inquinamento dell’aria per il biossido di azoto (NO2) che costituisce un grave rischio per la salute. La maggior parte delle emissioni provengono dal traffico stradale” e in particolare dai motori diesel. Se gli Stati membri non agiranno entro due mesi per mettere in campo “misure idonee” a risolvere il problema, si sottolinea nella nota, “la Commissione potrà decidere di deferirli alla Corte di giustizia dell’Ue”.

Cosa deve fare l’Italia per evitare la sanzione della Commissione europea? Ecco le risposte di Edo Ronchi, già ministro dell’Ambiente e oggi presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, e di Nicola Pirrone, direttore dell’Istituto Inquinamento Atmosferico del Cnr

VI RACCONTO LA STORIA DELLA RADIO IN DUE MINUTI

Il 13 febbraio si festeggia la terza edizione del “World Radio Day”, Giornata Mondiale della Radio. In questa data avvenne la prima trasmissione radio dall’Onu (13 Febbraio 1946). La giornata di oggi celebra la radio come strumento per migliorare la cooperazione internazionale tra tutte le stazioni del mondo.

“All’inizio furono notizie e musica. Quelle di un secolo fa, le notizie controllatissime, ma già in grado di competere sul tempo con la carta stampata. La musica, eseguita in diretta con orchestra e cantanti sempre disponibili. E poi qualche radiodramma…”

Il senno di Po ripercorre la storia del mezzo radiofonico in due minuti. Buon ascolto.

ultima modifica: 2017-02-22T16:51:30+00:00 da Ruggero Po
  • Pingback: Tutti i miei dubbi su padri gay, utero in affitto e sentenza di Trento - Formiche.net()

  • Pingback: Il mio Buon 8 marzo alle donne e alle famiglie italiane - Formiche.net()

  • Francesco Cecchini

    SENATRICE
    PUPPATO E L’ ART. 21 DELLA COSTITUZIONE.

    Art.
    21 della Costituzione: “Tutti hanno il
    diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo
    scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”

    Quando nel marzo del 2013, Laura Puppato lo accusò di
    essere un piccolo ducetto , Flavio Zanonato, ora deputato al parlamento
    europeo affermò:


    Mi sembra giusto che la gente sappia che la Puppato non accetta le critiche e
    che non è affatto quella che sembra in televisione.”

    La mia non è diffamazione
    personale, ma critica a comportamenti politici della senatrice
    Puppato, diffusa con i mezzi a disposizione di un cittadino. giornali online,
    social network, emails etc.,etc.. Ho aumentato la diffusione dopo che Puppato
    mi ha inviato a casa due volte il comandante dei carabinieri di Montebelluna,
    Arcidiacono per farmi cambiare idea e dopo la denuncia.

    Le mie critiche alla senatrice Puppato riguardano
    principalmente i seguenti punti:

    ·
    La
    strumentalizzazione partitica dell’evento del Cansiglio il 9 settembre 2012.
    Puppato si presentò come oratrice unica e capogruppo del PD in Consiglio
    regionale Veneto. Fatto grave che ruppe l’unità delle forze antifasciste.

    ·
    La sua performance come sindaco di
    Montebelluna. Tra l’altro fu denunciata al TAR dal WWF locale. In merito ho
    redatto un’ analisi di quello che ha fatto come amministratrice della città.

    ·
    Quando nel luglio del 2011 il Consiglio
    Regionale Veneto si è pronunciato a favore della riconversione a carbone della
    centrale elettrica di Porto Tolle, Puppato capogruppo del PD non si è opposta
    come hanno fatto altri, per esempio Bertolissi eletto nella stessa lista,
    ma si è astenuta, facendo passare questo
    come una critica / atto di accusa alla politica veneta.

    ·
    La legge 27/12 che permette al Movimento
    per la vita, od altri, di entrare negli ospedali senza l’ autorizzazione della
    autorità sanitaria, come prevede la 194, ottenne il voto favorevole da Puppato
    allora capogruppo del Partito Democratico in Consiglio regionale Veneto ( La commissione Sanità del Consiglio
    regionale poco tempo fa ha respinto il testo che autorizzava l’ ingresso negli
    ospedali ad associazioni che si occupano di etica e salute. Il Movimento per la
    vita, innanzitutto. Così torna in giunta il regolamento della legge 27
    approvata 2 anni fa. Una grande vittoria delle donne, una sconfitta per Puppato
    ).

    ·
    L’ aver votato in Senato l’abolizione dell’art. 138 della
    Costituzione, dopo aver partecipato alcuni giorni prima, il 12 ottobre 2013 a
    Roma ad una manifestazione a sostegno carta costituzionale.

    ·
    Il cambiare troppo spesso posizione.
    Puppattiana durante le primarie del PD del 2012 per ottenere la segreteria del
    partito e la presidenza del consiglio. Poi, via via, bersaniana, amica dei
    grillini,civatiana ed ora renziana.

    ·
    L’ aver abbandonato per ben due volte il
    territorio dove era stata eletta, prima di terminare il suo mandato. Prima
    Montebelluna dove era sindaco,per diventare consigliere regionale veneta, poi
    il Veneto per diventare senatrice.

  • Francesco Cecchini

    Puppato un caso eclatante di ipocrisia politica.