Vi svelo l’accordo segreto fra Pd e Svp frantumato alla Camera da M5S, Forza Italia e Lega

Vi svelo l’accordo segreto fra Pd e Svp frantumato alla Camera da M5S, Forza Italia e Lega
Le Punture di Spillo di Giuliano Cazzola

La proposta di legge elettorale simil-tedesca è stata rimandata a morire in Commissione: ultimo atto di un sistema politico che soffre della sindrome dello scorpione, il quale non esita a pungere ed avvelenare la rana che lo porta addosso per attraversare il fiume. Affoga anche lui, ma non è in grado di sottrarsi al richiamo della sua natura. Da noi le forze politiche (ma non solo quelle: la magistratura, la stampa, la tv e quant’altro) ormai non sanno più resistere alla tentazione di sfasciare le ultime istituzioni democratiche e civili ancora agibili.

++++

In una Repubblica giudiziaria, in fondo, è normale che anche nella legge elettorale ci sia lo zampino della magistratura, peraltro di rango costituzionale. Si vada al voto con i due consultellum, uno per la Camera, l’altro per il Senato. No problem. Si suol dire che, laddove corre un cavallo, può esibirsi anche un asino.

++++

Il Pd è diventato il difensore del Svp e ha trovato nell’approvazione dell’emendamento Biancofiore il pretesto per far saltare la legge elettorale. L’ultima impresa del Pd alla Camera ricorda a chi, come il sottoscritto, ha la memoria lunga, quando negli anni ’60 del secolo scorso, scoppiò un grave dissidio teorico e politico tra il comunismo sovietico e quello cinese. I partiti comunisti europei, benché di osservanza sovietica, non osavano attaccare direttamente i cinesi ma se la prendevano con i comunisti albanesi (i soli schierati con la Cina). Il caso Svp non somiglia all’Albania?

ultima modifica: 2017-06-09T10:59:24+00:00 da Giuliano Cazzola

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>