Il ruolo di Rousseau nel Movimento 5 Stelle spiegato da Davide Casaleggio

Il ruolo di Rousseau nel Movimento 5 Stelle spiegato da Davide Casaleggio
Il presidente dell'Associazione Rousseau, oggi a Roma per la presentazione della nuova funzione "Scudo della Rete", ha rivelato che il contratto di governo M5S-Lega sarà votato online dagli iscritti del Movimento

Il contratto di governo tra Movimento 5 Stelle e Lega sarà votato su Rousseau, il risultato della votazione sarà “indirizzo principale” della linea da seguire e pur non avendo ancora una data di rilascio sulle certificazioni per la sicurezza della votazione, non ci saranno problemi. Le parole di Davide Casaleggio, presidente dell’Associazione Rousseau e figlio di Gianroberto, guru e fondatore del Movimento 5 Stelle, arrivano durante la presentazione di una funzione della piattaforma online del Movimento, “Scudo della Rete”, presentata oggi al Senato dallo stesso Casleggio, Alfonso Bonafede, Paola Taverna ed Enrica Sabatini, rispettivamente responsabili il secondo della nuova funzione, la terza della sezione “Activism” e Sabatini di “Call to action”. Ci saranno tante nuove funzionalità, annuncia Casaleggio, e proprio il 27 maggio si terrà ad Ivrea un “Open day Rousseau” in cui si presenterà “una nuova dimensione” della piattaforma.

Al di là delle nuove funzionalità, però, ad aleggiare nella Sala Nassirya è l’accordo di governo tra M5S e Lega, in via di stesura in questi giorni di cui ancora non si sanno i contori certi. E partendo proprio da Rousseau si arriva a parlare del ruolo che avrà la piattaforma del Movimento ora che si appresta a diventare una forza di governo. M5S, che ha basato la sua forza sul fare rete e sulla partecipazione online, chiederà quindi alla sua base cosa ne pensa del contratto che sancisce l’arrivo del Movimento negi scranni del governo. Così, dopo la spiegazione su cosa farà e come funzionerà “Scudo della rete”, la domanda arriva diretta: “Il contratto sarà votato su Rousseau?”, ma soprattutto: “La votazione sarà vincolante?”, e infine: “La votazione sarà certificata?”, tutte domande a cui si è incaricato di rispondere il presidente dell’Associazione Rousseau, Davide Casaleggio.

Come l’ispirazione per il contratto di governo arriva dal modello tedesco, sempre alla Germania si guarda per la consultazione degli iscritti su quanto verrà scritto da Di Maio e Salvini, spiega Casaleggio rispondendo alle domande dei giornalisti. “Anche in Germania [il contratto di governo, ndr] è stato ratificato dagli iscritti della Spd, noi in modo leggermente diverso, meno costoso, chiederemo agli iscritti di votare direttamente on line”. Voto su Rousseau, dunque, ma sarà vincolante? Nessuna risposta diretta da Casaleggio, che si limita a sottolineare che “sicuramente il voto degli iscritti è sempre un indirizzo principale da cui il Movimento prende le sue decisioni”. E se la voce del presidente dell’Associazione Rousseau non ha ceduto mai durante le varie risposte, sulla certificazione del voto qualche incertezza è trapelata. “Stiamo lavorando su un sistema di certificazione basato sulla blockchain, ma non ho una data di rilascio”, ha spiegato Casaleggio incalzato dai cronisti. La votazione, però, sarà sicura, sottolinea Casaleggio in chiusura di conferenza stampa, allontanandosi poco dopo dalla sala gremita di giornalisti.

“Scudo della rete”, ha spiegato Alfonso Bonafede, è nato prima dello stesso Movimento, quando Beppe Grillo ebbe l’idea di rivolgersi ad avvocati disposti a lavorare pro bono per supportare attivisti colpiti da vicende giudiziarie in conseguenza della loro militanza. “Si tratta di una funzione sociale bellissima: stare vicini ai cittadini, tutelarli nel loro impegno a difesa della società”, ha sottolineato Bonafede, dopo aver esposto le varie funzioni. Le prestazioni oggetto dello Scudo della Rete, allora, possono essere: denuncia-querela per presunta diffamazione; esposto (Corte dei Conti o Procura) relativo a gravi disservizi o carenze dei servizi pubblici; impugnazione al Tar di atti amministrativi; costituzione di parte civile in vicende pubbliche; consulenze sulla tutela dei valori e delle attività di M5S. Inoltre, spiega Bonafede, si porteranno avanti attività di formazione per gli attivisti e per gli amministratori del Movimento che, per la prima volta, si confrontano con la gestione della cosa pubblica. Gli avvocati potranno iscriversi attraverso un modulo presente su Rousseau.

ultima modifica: 2018-05-11T10:00:00+00:00 da Simona Sotgiu

 

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: