Emmanuel Macron raccontato da Brigitte Trogneux

Emmanuel Macron raccontato da Brigitte Trogneux
Cosa ha detto la moglie di Emmanuel Macron, Brigitte Trogneux, alla rivista francese Elle

Mentre Emmanuel Macron continua a perdere consenso popolare (l’ultimo sondaggio di Journal du dimanche sostiene che è crollato dal 54 per cento al 40 per cento), Brigitte Trogneux ha finalmente rotto il silenzio. Dopo anni di assoluta discrezione, la moglie del presidente francese ha deciso di parlare di suo marito, del loro matrimonio, l’inizio della relazione e i suoi progetti futuri.

La donna – che è 24 anni più grande di Macron – ha rilasciato un’intervista esclusiva per la rivista Elle. “L’unico difetto di Macron è che è più giovane di me”, ha detto Brigitte Trogneux. La first lady francese ha raccontato che quando legge articoli sul suo matrimonio ha come l’impressione che si parli di un’altra coppia. “La nostra storia è così semplice […] se non avessi scelto lui (Emmanuel Macron, ndr) avrei perso molte cose nella mia vita”.

Brigitte Trogneux sostiene che all’inizio della relazione la differenza di età era qualcosa senza senso per lei. “Con Emmanuele – ha detto alla pubblicazione francese – sono abituata a vivere cose straordinarie. Sempre mi chiedo cosa verrà adesso, quale sarà la prossima avventura. E questo accade da 20 anni”. Brigitte ha spiegato come riesce a ignorare i commenti misogini che una volta la ferivano. Ha detto che renderà pubblica la sua agenda: “Così i francesi sapranno cosa faccio”.

IL RUOLO DI BRIGITTE ALL’ELISEO

Nel 2007, quando i due hanno deciso di sposarsi dopo il divorzio di lei, molti hanno sostenuto che era ambiziosa e interessata. Tuttavia, Macron dice che è stato proprio grazie a Brigitte che lui è riuscito a cavalcare l’ondata e arrivare all’Eliseo. Dal giorno della vittoria elettorale, Macron ha detto che la first lady avrebbe avuto un ruolo protagonista nella presidenza francese.

La scorsa settimana è arrivata la conferma: Brigitte avrà un proprio gabinetto con due consiglieri presidenziali che lavoreranno per lei, ma le loro retribuzioni verranno dal budget del presidente per il suo staff. In un comunicato ufficiale, l’Eliseo ha spiegato la posizione della first lady, pubblicando la “Carta di trasparenza sul ruolo della consorte del capo di Stato”. Nel documento sono spiegate le posizioni e i compiti della première dame durante il mandato di Macron.

LE NUOVE FUNZIONI DELLA FIRST LADY

Brigitte avrà il compito di rappresentare “la Francia al fianco del presidente della Repubblica durante summit e incontri ufficiali”. Inoltre, avrà il dovere di rispondere “alle sollecitazioni dei francesi e delle personalità francesi e straniere che vogliono incontrarla”. Come si era già detto, Brigitte sarà molto impegnata in programmi sui diritti delle donne, la tutela dei minori e il cambiamento climatico.

Un po’ come Ivanka Trump, la figlia del presidente Donald Trump nominata consigliere speciale della Casa Bianca, Brigitte lavorerà gratis. Una fonte vicina al governo ha spiegato alla stampa francese che “non si tratta di uno status legale ma di un impegno che riguarda Brigitte Macron per la durata del mandato del marito e non sarà vincolante per i successori”. Il nuovo ruolo di Brigitte non è stato ben accolto: una petizione online ha raccolto 300mila firme contro la creazione del ruolo della first lady e i sondaggi indicano che la maggioranza dei francesi è contrario a questo cambiamento, che implicherebbe un intervento anche sulla Costituzione.

RECORD DI VENDITE E VISUALIZZAZIONI 

Chi invece ha tratto giovamento dalla coppia presidenziale è la rivista Elle. Dopo 10 anni, la pubblicazione ha registrato un record di vendite grazie al numero dedicato a Brigitte Macron. Il numero è uscito il 18 agosto e il ritiro dalle edicole è stato posticipato di una settimana. Dell’edizione sono state vendute 530.000 copie, mentre in rete e sui social network l’intervista ha generato 30 milioni di visualizzazioni.

Immagine anteprima YouTube
ultima modifica: 2017-09-03T08:00:50+00:00 da Rossana Miranda

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: