Dire “Come un nobel”…

Auguri professore. Per dirla con un film italiano di Riccardo Milani. Auguri prof Figalli. E come forse le è capitato qualche volta di pensare: 1. vorremmo che il Paese conoscesse la medaglia Fields. 2. Che arrivasse in tempo a individuare un altro potenziale vincitore e ce lo facesse conoscere prima magari spiegando anche con una […]

È giornalismo, non vendetta

L’immagine del potente ammanettato suscita reazioni come “so’ tutti ladri” o “glie sta bene”. A prescindere. Indipendentemente da una reale consapevolezza di quello che il potente in questione abbia fatto. Un naufragio con spettatore, dove il pubblico prova una rivincita sociale nel vedere la caduta degli dei. Questa spettacolarizzazione non può essere l’obiettivo del giornalismo: […]

Il parlamentino sindacale contro l’obbligo dell’alternanza a scuola

Nessuno glielo aveva chiesto, ma il Consiglio superiore della pubblica istruzione (Cspi, organismo controllato da sindacati e amministrazione) l’altro ieri, mercoledì 25 luglio, ha approvato, con il solo voto astenuto del rappresentante dei dirigenti scolastici dell’Anp, un parere autonomo per togliere l’obbligatorietà dell’alternanza scuola-lavoro (Asl) introdotta dalla legge 107/2015 per tutti gli indirizzi di studio […]

Si può star meglio, non solo peggio!

C’era una volta mio Padre, un operaio di classe che, insieme ad altri lavorava per fare quelle merci che le imprese vendevano al mercato a chi ne aveva bisogno. Non erano molte, quel pregresso bisogno, con la spesa, le acquistava. Pressappoco al tempo, la produttività totale dei fattori andava al massimo. Poi quelle stesse Imprese […]

Ecco chi paga i dazi voluti dal Trump

Una bella analisi pubblicata dagli economisti della Fed di S.Louis mostra quanto sia fallace l’idea che daziare l’import faccia male solo a chi esporta i beni che finiscono all’indice. Questa convinzione, che affonda le sue radici nel più vieto mercantilismo, trascura di osservare quanto sia complessa e articolata la catena della produzione oggi rispetto a […]

Una nota sulla vicenda Google

La vicenda è nota: la Ue ha deciso di comminare a Google una multa da 4,3 miliardi di euro per abuso di posizione dominante. L’economista austriaco Joseph Alois Schumpeter ha scritto interi volumi per spiegare che solo l’innovazione crea crescita, proprio tramite il temporaneo allontanamento da una posizione di concorrenza, ossia dalla creazione di una posizione […]