Marco Carrai (che lancia cyber sassolini sul caso Occhionero) visto da Pizzi. Le foto

All’indomani dell’arresto dei fratelli Occhionero per aver spiato (o tentato di spiare, ancora non è chiaro del tutto) le mail di alte cariche dello Stato, Marco Carrai, manager e imprenditore esperto nella sicurezza dei dati e vicinissimo all’ex premier Matteo Renzi, ha elogiato il lavoro del Dipartimento informativo della Sicurezza (Dis) e della Polizia Postale, messo in guardia dinanzi ai pericoli della Rete e invocato lo Stato a garanzia delle privacy dei cittadini grazie a un maggior coordinamento sul tema a livello istituzionale e governativo.

“Sul versante dell’intelligence vigila ottimamente il Dipartimento Informativo della Sicurezza (Dis). E la Polizia postale agisce sul terreno della repressione, con ottimi risultati come abbiamo visto anche in questo caso. Ma ciò non toglie che sia necessario un coordinamento più serrato e un soggetto che faccia prevenzione e sviluppo tecnologico”, ha commentato Carrai intervistato dal quotidiano La Stampa diretto da Maurizio Molinari sulla vicenda dei fratelli Occhionero.

All’elogio del lavoro svolto dalla Polizia Postale Carrai aggiunge i timori: “La struttura segreta scoperta dalla polizia postale a Roma oltre a essere la conferma della qualità delle nostre forze dell’ordine nello scoprire reati di questo tipo, impone ancora una volta una seria riflessione su come le nostre vite e la nostra privacy non siano al sicuro”, ha scritto in un post pubblicato sull’Huffington Post.

“Da soli non ci salviamo – ha sottolineato il manager nel suo post – , ci vuole lo Stato che prenda in mano la nostra sicurezza con educazione alla prevenzione e con tecnologia seria. Come mai deleghiamo la nostra riservatezza a iCloud e non allo Stato? Infatti chi trova la password del nostro iCloud trova la nostra vita. È una domanda alla quale francamente non trovo risposta”.

(c) Umberto Pizzi. Riproduzione riservata

 

ultima modifica: 2017-01-12T16:44:52+00:00 da Valeria Covato

Click on a tab to select how you'd like to leave your comment

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>