Bomba esplosa a 30 chilometri da Kabul al passaggio di un coinvoglio di militari italiani. Ferito gravemente Andrea Tomasello, primo caporal maggiore del secondo reggimento Alpini di Cuneo. Due militari contusi.
Questa mattina alle ore sei, nel distretto di Mussai, vicino a Kabul, è esploso un ordigno al passaggio della pattuglia di militari italiani. L’esplosivo è stato azionato a distanza.
Andrea Tomasello, primo caporal maggiore del secondo reggimento Alpini di Cuneo, è rimasto gravemente ferito alle gambe. Il militare è stato sottoposto ad un intervento chirurgico. Tuttavia, precisano fonti della Difesa “non è in pericolo di vita”.
Nell’esplosione, altri due soldati sono rimasti contusi.
Solo pochi giorni fa, proprio il reggimento alpini di Cuneo, impegnato in Afghanistan nella missione International Security Assistance Force” (Isaf), aveva ritrovato, e poi fatto brillare, un arsenale di armi e munizioni (tra cui tre missili da 220mm e otto bombe da mortaio) alla periferia di Kabul.

Non è la prima volta che in quella zona, a trenta chilometri da Kabul, il contingente italiano subisce degli attacchi.Nella mattinata, altre 18 vittime tra militari e civili, per un secondo attentato suicida nella provincia di Herat. L’attentatore si è fatto esplodere in prossimità di una pattuglia di polizia, vicino ad un commissariato che si trovava all’interno di in un bazar del distretto di Del Aram.

Condividi tramite