“Non siamo né il partito delle élite, né tanto meno il partito dei notabili” ma “un grande movimento in cui confluiscono competenze, esperienze e storie diverse”. Sembra rispondere a Maurizio Crozza e alla sua imitazione lunedì a Sanremo, Luca Cordero di Montezemolo intervenendo alla kermesse di Scelta civica.

Dall’’Atlantico live all’Eur, il celebre sostenitore montiano spiega: “A chi ci rinfaccia, come fosse un peccato il successo che molti di voi hanno avuto nei loro diversi percorsi di vita, io rispondo che lì dove il successo incontra il merito nasce la vera classe dirigente di un paese”.

Contro l’opacità tra politica e affari
Il presidente della Ferrari, promotore della società Ntv e vicepresidente di Unicredit, oltre che fondatore di Italia Futura, se la prende poi con “l’opacità dei rapporti tra politica e affari. Lì nascono gli scandali che quotidianamente leggiamo sui giornali. Scandali che chiamano in causa tutte le forze politiche, senza distinzioni”.

Secondo Montezemolo, bisogna “riportare lo Stato nel corretto perimetro delle sue funzioni: è condizione indispensabile per avere una politica meno corrotta e una società più dinamica. E questo vale al Sud come al Nord”.

Lo show di Maurizio Crozza a Sanremo:

Condividi tramite