Tanto rumore per nulla. I tarantini disertano il referendum sul futuro dell’Ilva, scrive Luisa Amenduni in un lancio dell’agenzia Ansa delle ore 20,26: “In pochi sono andati a votare e la sfida del quorum lanciata dai promotori dell’iniziativa sembra sia stata persa”. I seggi, aperti dalle 8, chiuderanno alle 22 ma la consultazione non avrebbe ottenuto i numeri necessari per essere ritenuto valida, secondo l’Ansa.

Le domande del referendum

Ai tarantini sono state poste due domande: si’ o no alla chiusura totale dello stabilimento; si’ o no alla chiusura parziale dell’Ilva cioè della sola area a caldo, quella sottoposta a sequestro dalla magistratura dal luglio 2012 perché altamente inquinante.

Condividi tramite