Tra i ventuno indagati nell’ambito dell’inchiesta sulla mancata riconversione di Bagnoli figurano gli ex vicesindaci di Napoli Sabatino Santangelo e Rocco Papa, rispettivamente alla presidenza di Bagnolifutura fino al 2006 e fino al 2010, oltre a dirigenti dell’area ambiente del Comune e della Provincia di Napoli.

Le indagini coinvolgono, inoltre, l’ex dirigente del ministero dell’Ambiente Gianfranco Mascazzini, Carlo Borgomeo, dg di Bagnolifutura tra il 2002 e il 2007, Gianfranco Caligiuri, direttore tecnico per la bonifica, Alfonso De Nardo, dirigente Arpac, Mario Hubler, dg di Bagnolifutura tra il 2007 e il 2012 e attualmente impegnato per l’America’s cup di Napoli. Truffa e disastro ambientale sono a vario titolo i principali reati per cui si procede.

L’inchiesta, affidata ai carabinieri del comando provinciale di Napoli e del Noe, è coordinata dal pm Stefania Buda e dai procuratori aggiunti Francesco Greco e Nunzio Fragliasso. Come custode dell’area oggi sotto sequestro è stato nominato l’attuale presidente di Bagnolifutura Omero Ambrogi, giudice in pensione.

Condividi tramite