Qualche tempo fa raccontai qualche blog interessante per informarsi sul tema lobby e public affairs (Qui il post). Al tempo non andai oltre i confini nazionali.

Purtroppo un elenco simile, ma di blog stranieri, è molto più difficile da fare. Non perché manchino. Anzi, ce n’è in abbondanza. Ma sono tanti anche i limiti. Il primo è quello linguistico. Se non conosci la lingua del blogger sei fuori gioco. Chissà, oltre alle lingue canoniche (inglese, francese, tedesco, spagnolo) magari ce ne sono altre meno studiate che nascondono perle di saggezza. Forse ci sono siti interessantissimi in svedese o indiano. Resterà un mistero. C’è poi un problema di risonanza mediatica. Anche ai più attenti può sfuggire un blog che non sia particolarmente noto, anche se magari diffonde contenuti di ottima qualità.

Per questo è sempre meglio affidarsi al lavoro altrui. Si risparmia anche tempo. Per esempio quelli di Cision Blogs, che hanno recensito 50 blog di PR e marketing, tutti di area anglosassone. Anzi, per la precisione, tutti di area statunitense. La lista completa la trovate Qui. Io mi limito a segnalare pochi nomi da quella lista. Quelli che mi hanno incuriosito e che, quindi, compongono la “sotto-lista personale della lista”:

1. Spin sucks – toni dissacranti, tanti contenuti (è un blog collettivo) quasi sempre interessanti e aggiornati. Sta a metà tra la comunicazione politica, il PR duro e puro e il marketing.

2. Online Public Relations Thoughts – assomiglia nell’aspetto a GoogleNews o a qualsiasi altro aggregatore di notizie. In realtà è un blog vero e proprio che promette (e mantiene, quasi sempre) un post al giorno sul tema PR. I contenuti sono brevi (come dovrebbe essere ogni post) e quasi sempre utili da leggere.

3. Journalistics – altro blog dall’aspetto essenziale e contenuti non necessariamente legati al PR o al giornalismo. Ci trovate un po tutto, e anche qui i post non sono mai troppo lunghi.

4. Proactive Report – questo è il blog di Sally Falcow, una delle tante professionalità che lavora nel social media strategy. A essere sinceri questo blog vale tanti altri simili. Nel senso che ci si possono trovare cose interessanti, soprattutto se fanno riferimento all’esperienza personale di chi li scrive. Nulla di eclatante però. Lo segnalo perché, a meno che non siate davvero appassionati dell’argomento, questo vi sembrerà molto simile, se non identico, a tanti altri nella lista. E non sempre la bravura di chi posta e la qualità dei contenuti sarà tale da farvi apprezzare le differenze.

5. Flack Me – chiudo con questo blog molto ben fatto, con ottimi post che spaziano dalla comunicazione online a quella politica, senza dimenticare qualche approfondimento (utile per chi fa ricerche e ha bisogno di dati freschi da citare).

Il tutto senza pretesa di esaustività, come si scrive nei paper accademici.

Condividi tramite