Il caso Kazakhstan si è configurato sin da subito come un evento dalla dimensione internazionale. Interessi geopolitici, economici e il ruolo dell’intelligence sono ingredienti essenziali del clamore mediatico che si è scatenato attorno alla vicenda che ha portato all’espulsione dall’Italia di moglie e figlia del controverso dissidente kazako Mukhtar Ablyazov. L’Italia (e in particolare Silvio Berlusconi) è stata accusata da media esteri, forse con un certo doppiopesismo visto il medesimo approccio britannico, di aver intrattenuto rapporti troppo amichevoli con il chiacchierato presidente-dittatore del Kazakhstan, Nursultan Nazarbayev (nella foto). Ma Roma, dettaglio non secondario nella vicenda, è anche uno dei partner economici più importanti della repubblica kazaka, dove Eni partecipa con un ruolo di primo piano al consorzio di aziende che sfrutterà uno dei più grandi giacimenti di idrocarburi al mondo, Kashagan. Un protagonismo che, secondo diversi osservatori, disturba alcuni competitori e ha scatenato una vera e propria “guerra” combattuta a colpi di articoli sulle maggiori testate mondiali e operazioni dei servizi segreti.

Ecco tutti gli approfondimenti di Formiche.net:

CRONACHE
Kazakhstan, l’oppositore di Nazarbayev chiede aiuto a Letta di Michele Pierri

Kazakhstan, nuovo intrigo internazionale di Michele Pierri

I nodi (da sciogliere) sul mistero del Kazakhstan

ECONOMIA
Italia-Kazakhstan, tutti gli affari di Elisa Maiucci

ANALISI E COMMENTI
Kazakhstan, un caso non per caso di Michele Pierri

Il Financial Times schiaffeggia l’Italia con stile poco british di Michele Pierri

Intelligence e controspionaggio, tutti i dubbi nell’intrigo kazako di Mimmo Pesce

Fra Usa e Kazakhstan, se l’Italia non capisce la nuova guerra fredda di Mimmo Pesce

Spie, petrolio e potenze straniere. Il giallo kazako di Mimmo Pesce

BLOG
Cosa insegna il caso Kazakhstan di Lodovico Festa

INTERVISTE
Caso Kazakhstan, l’Eni infastidisce i Paesi anglosassoni. Intervista a Germano Dottori di Michele Pierri

Kazakhstan, i due pesi e le due misure della stampa anglosassone. Intervista a Luca De Biase di Michele Pierri

Condividi tramite