L’assessore allo Sviluppo economico del comune di Genova, Francesco Oddone, ha dichiarato su Facebook la sua avversione allo sponsor sulla maglia del Genoa. «Un vero peccato che la maglia più bella del mondo – si legge sul Secolo XIX – venga deturpata da un marchio leader della lobby del gioco d’azzardo che tanti danni produce tra i giovani, in particolare da stigmatizzare e boicottare in ogni modo». L’assessore ha coperto lo sponsor del gioco con una “X” fatta di strisce adesive (nella foto l’immagine dello sponsor “bannato” da un’operazione a sorpresa dell’assessore ligure Francesco Oddone). 

Un’azione senza senso, visto che iZiplay ha ottenuto una autorizzazione per poter operare liberamente sul mercato italiano, quindi il brand in esame non contravviene ad alcuna legge dello Stato. Avrebbe avuto più senso che l’assessore Oddone si scagliasse piuttosto contro i marchi illegali o contro il gioco abusivo, fortemente diffuso nel nostro Paese (più in generale). Una piaga quest’ultima che sta mettendo in ginocchio migliaia di famiglie italiane. C’è poi da considerare che iZiplay, come tutte le aziende di betting presenti regolarmente sul territorio, aderisce al progetto di “gioco responsabile” promosso dai Monopoli di Stato (AAMS).
Oltre a ciò c’è da considerare l’effetto negativo che questa operazione dell’assessore Oddone può avere sul mercato commerciale del Genoa CFC. In un momento così difficile sotto il profilo economico per il Paese, le istituzioni (in questo caso rappresentate dal politico Francesco Oddone) dovrebbero sostenere e aiutare club gloriosi come la società di calcio (brand del territorio in Italia e nel mondo) piuttosto che creare querelle inutili oltre che imbarazzanti per il comune, per la società Genoa CFC e per l’azienda iZiplay, che da sempre si muove sul mercato del gioco seguendo le regole e nel rispetto delle normative vigenti. C’è da augurarsi che, nelle prossime ore, il sindaco chieda ad Oddone di porgere le scuse ufficiali sia al club di Preziosi che al suo main sponsor.

Ricordiamo tra l’altro che la posizione di jersey-sponsor, al netto dei ricavi da diritti tv, è da sempre la posizione commerciale più prestigiosa che un club ha la possibilità di offrire ad un’azienda partner. Quindi la “boutade” della “X” con le strisce adesive è un segno di chiara scortesia sia nei confronti di iZiplay che dei tifosi rossoblù.

Condividi tramite