Offeio era Lello, Lello era Offeio. Mentre lo accampagnavamo in processione nel suo ultimo viaggio, lui non c'era... era con il suo quad sulle colline circostanti a sparare qualche 'botto'.

Lo conosco da sempre.
Per me è sempre stato grande, sempre uguale. Eppure, solo oggi che se n’è andato, ho realizzato che in fondo aveva pochi anni più di me.

Lello, l’uomo tutto fare che in un piccolo borgo di appena trenta anime rappresentava la persona su cui poter sempre contare.
Lui sapeva fare tutto. Da cambiare una presa a montare un’antenna, a sparare i fuochi d’artificio… Lui che ha insegnato a tutti i ragazzi a sparare i ‘botti’!

Già…
Mentre camminavamo, oggi, come in una dolorosa processione per accompagnarlo, lui non c’era.
Ma era normale…
Lui non c’era mai a processione! Era sempre in giro per i colli circostanti sul suo quad blu a far vibrare qualche colpo.

Sembrava una processione come tutte le altre, quella di oggi, con la banda in sottofondo e le preghiere del prete, ma lo spirito era diverso e sulle spalle dei ragazzi non c’era il peso delle statue dei santi!

Addio Lello!
Ti voglio ricordare così…
Roberta

Condividi tramite