Juventus vs. Atalanta - Serie A Tim 2011/2012Questa sera lo Juventus stadium sarà la “cornice” di una sfida all’ultimo gesto atletico, tra le due squadre più in forma di questo campionato 2014: Juventus e AS Roma. I ventidue giocatori hanno valore in termini di calciomercato pari a 500 milioni di euro e se consideriamo anche i fatturati dei due club dobbiamo considerare altri 400 milioni di euro.

Ben 275 milioni portano la firma della Juventus, i restanti 125 mln quella della AS Roma. Sulla carta non ci dovrebbe proprio essere partita, considerando gli ingaggi messi a confronto degli atleti in campo, eppure tra Juventus e Roma ci sono appena 5 punti di differenza e il club capitolino, grazie alle ripartenze dell’ivoriano Geirvinho potrebbe fare molto male ai bianconeri, anche se lo Juventus stadium, ovvero il “fattore campo”, può fare la differenza soprattutto questa sera.
Se si analizzano le diverse voci della “torta” dei ricavi delle due società di calcio si può vedere immediatamente dove è la grande differenza economica: i bianconeri valgono 164 milioni di euro in revenue da diritti audiovisivi; la AS Roma solo 66 mln (c’è una differenza, un “gap” economico da 98 milioni di euro). Ed è per questa ragione che gli americani (i nuovi proprietari del club di Trigoria, in attesa dello sbarco dei cinesi) sono stati in forte disaccordo con la Juventus, quando la Lega calcio serie A ha accettato (prima delle vacanze natalizie) l’offerta di Infront (advisor) per i prossimi sei anni.

Sul fronte commerciale i 58 milioni di euro della Juventus sono messi a confronto con i 26 milioni della Roma. La differenza nasce dallo sfruttamento dell’impianto casalingo 365 giorni su 365. Da questo punto di vista i giallorossi vogliono seguire il modello juventino, ma trovano in casa propria una serie di “resistenze” (il sindaco Ignazio Marino si dichiara “disponibile”, ma non brilla per velocità dei tempi di attuazione di una serie di provvedimenti amministrativi).
Di fatto, dalla conferenza stampa di Trigoria del 19 dicembre 2012, si è perso già più di un anno, anche se nessuno tra i media locali lo sottolinea.

La differenza tra i due club prosegue soprattutto alla voce “ricavi da stadio”: 41 mln per la Juventus; 21 mln per la Roma. Considerando che la squadra capitolina paga un canone annuo alla CONI Servizi SpA (proprietaria dello stadio Olimpico), ha delle enormi potenzialità di sviluppo, anche perchè la fan base della Roma è molto più stanziale e più “calda” di quella bianconera. Solo alla voce “altro” Juventus e Roma raggiungono un sostanziale pareggio: 12 milioni di euro a testa.

Al di là degli ingaggi, dei valori di calciomercato, dei fatturati espressi, o dei ricavi sviluppati attraverso lo Juventus stadium, stasera scenderanno in campo solo 22 campioni e sul rettangolo di gioco tutti questi numeri scompaiono, si appiattiscono e alla fine conta solo il “cuore”, la lucidità e le qualità tecniche e, magari, un pizzico di fortuna. Vedremo, al termine dei 90 minuti regolari, cosa succederà, e se i punti di differenza si saranno ridotti a 2 (nel caso in cui dovesse vincere in trasferta l’AS Roma), rimarranno 5 (in caso di pareggio) o diventeranno +8 (in caso di vittoria bianconera). Ma manca ancora più di un girone di ritorno e la strada è lunga sia per la “Vecchia Signora”, sia per la Roma degli americani.

Condividi tramite