A chi conviene non regolamentare le lobby?

A chi conviene non regolamentare le lobby?
Il primo di una serie di approfondimenti su lobby e regolamentazione a cura di Pier Luigi Petrillo, professore associato di Diritto pubblico e docente di Teorie e tecniche di Lobbying

Ogni giorno il Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, accusa le lobby di fermare lo sviluppo del paese. Prima di lui, l’accusa era stata mossa dai suoi predecessori: Enrico Letta, Mario Monti, Silvio Berlusconi, per limitarci agli ultimi. E con loro anche i Presidenti di Camera e Senato, periodicamente, “urlano” contro le lobby che invadono i palazzi. Eppure non si hanno notizie né di interventi governativi né di interventi parlamentari finalizzati a regolamentare i gruppi di pressione.

Ogni giorno si scopre, così, che dietro ai “gufi” che vogliono lasciare immobile il Paese ed impediscono le riforme necessarie, ci sono le lobby, ogni sorta di lobby, con l’effetto che tutto è lobby, perfino i funzionari pubblici: si pensi alle “lobby” dei magistrati (“no alla riduzione delle ferie”), a quella dei dirigenti pubblici (“no alla riduzione degli stipendi”) o perfino a quella dei senatori (“no alla riduzione del Senato”).

In questo quadro le lobby continuano ad essere il paravento della politica: basta dire che è colpa delle lobby per scrollarsi di dosso ogni responsabilità. E appare ovvio che se le lobby fossero regolamentate e la loro azione fosse pubblica, ecco che i cittadini scoprirebbero il gioco dello scarica barile: il paravento d’incanto cadrebbe e si scoprirebbe che la colpa di certo immobilismo non sono le lobby ma la politica.

LE ULTIME TAPPE DI UN TIMIDO TENTATIVO DI FARE SUL SERIO

Rispetto a vent’anni fa, tuttavia, qualche barlume di speranza comincia a vedersi. Nel 2007, durante il secondo governo Prodi, l’allora Ministro per l’attuazione del programma di governo, Giulio Santagata, spronato dal suo capo di gabinetto, il Consigliere di Stato Michele Corradino (ora componente dell’ANAC), fece approvare dal Consiglio dei Ministri il primo e unico disegno di legge in materia d’iniziativa governativa. Qualche mese dopo il governo fu sfiduciato e il testo dimenticato.

Nel 2012, sotto il governo Monti, ci riprovò Mario Catania, allora Ministro dell’Agricoltura, istituendo l’obbligo per i lobbisti “agricoli” di iscriversi in un elenco pubblico. La netta contrarietà delle principali organizzazioni di categoria (Coldiretti, Cia, Confagricoltura) fece naufragare l’esperimento.

Nel 2013 è il premier Enrico Letta, in prima persona, a farsi promotore di una coerente regolamentazione del lobbying, chiedendo al segretario generale di Palazzo Chigi, Roberto Garofoli, e al sottoscritto, di predisporre una bozza di disegno di legge. Ma il Consiglio dei Ministri, dopo avere approvato i principi della regolamentazione nel maggio 2013, decise di bocciare il testo predisposto, considerandolo troppo stringente.

E siamo arrivati al governo Renzi: entro giugno 2014, aveva dichiarato il Premier nel Documento di Economia e Finanza 2014 (DEF), avremo una regolamentazione dei gruppi di pressione. Sono passati 3 mesi da quella scadenza ma non c’è traccia nemmeno di una qualche bozza. Eppur si muove: nel silenzio generale, il Vice Ministro alle Infrastrutture, Riccardo Nencini (forse l’unico a credere davvero all’importanza di questa questione), è riuscito ad inserire nel disegno di legge delega di riforma del codice degli appalti, un principio legato alla trasparenza dei gruppi di pressione; anni luce lontani dalla regolamentazione delle lobby ma almeno è un segnale.

E’ ripartito da qui Giovanni Grasso, il giornalista dell‘Avvenire che, venerdì e sabato scorso, ha dedicato sul suo giornale un’inchiesta al rapporto tra politica e gruppi di pressione, invitando il Ministro della Funzione Pubblica, Marianna Madia, a prendere la palla in mano, trattandosi, anzitutto, di una questione di trasparenza della Pubblica Amministrazione (centrale e periferica).

MA PER FARE (DAVVERO) SUL SERIO, DA DOVE RIPARTIRE?

Ripartiamo dall’inchiesta di Grasso; rileggiamo gli stimoli recenti pervenuti da lobbisti d’eccezione come Gianluca Comin, per anni direttore delle relazioni istituzionali in Enel, o Stefano Lucchini, per anni a capo dell’Eni e ora in Intesa, o le proposte avanzate da Claudio Velardi, Massimo Micucci e l’ottimo gruppo del “Rottamatore”, da Fabio Bistoncini (“vent’anni da sporco lobbista”), da Franco Spicciariello e il suo sito lobbyingitalia.com, da Gianluca Sgueo su Formiche.net, da esperti come Giovanni Galgano e Giuseppe Mazzei de “Il Chiostro”, da studiosi come Maria Cristina Antonucci e Marco Mazzoni, dal collega Alberto Alemanno della New York University, dal gruppo #lobby (purtroppo non più attivo) degli ultimi 7 anni di #VeDrò, da riviste come Percorsi Costituzionali e AGE-Analisi Giuridica dell’Economia e proviamo ad offrire al Legislatore qualche idea su come e per cosa fare sul serio.

ultima modifica: 2014-09-16T08:23:47+00:00 da Pier Luigi Petrillo

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

  • Pingback: Lobby, cominciamo a fare sul serio? - Blog-VoxPopuli | Blog Economia | Blog Politica()

  • Gaetano Savoca

    Non c’è molto da dire, le lobby o si regolamenta la loro esistenza e si fa chiarezza oppure vengono dichiarate fuori legge perché colpiscono gli interessi comuni della collettività quindi necessita definire il reato e la relativa pena sia pecuniaria che penale. Non vedo altra alternativa. Logicamente la pena, sia la detenzione che la sanzione amministrativa deve essere correlata al danno che arrecato e non come avviene oggi per gli evasori che evadono 100 e la sanzione è 10 quindi conviene comunque evadere. Le sanzioni devono essere superiori ai guadagni ricevuti. In caso contrario è inutile fare una legge

  • Gaetano Savoca

    Non c’è molto da dire, le lobby o si regolamenta la loro esistenza e si fa chiarezza oppure vengono dichiarate fuori legge perché colpiscono gli interessi comuni della collettività quindi necessita definire il reato e la relativa pena sia pecuniaria che penale. Non vedo altra alternativa. Logicamente la pena, sia la detenzione che la sanzione amministrativa deve essere correlata al danno che arrecato e non come avviene oggi per gli evasori che evadono 100 e la sanzione è 10 quindi conviene comunque evadere. Le sanzioni devono essere superiori ai guadagni ricevuti. In caso contrario è inutile fare una legge

  • Gaetano Savoca

    Non c’è molto da dire, le lobby o si regolamenta la loro esistenza e si fa chiarezza oppure vengono dichiarate fuori legge perché colpiscono gli interessi comuni della collettività quindi necessita definire il reato e la relativa pena sia pecuniaria che penale. Non vedo altra alternativa. Logicamente la pena, sia la detenzione che la sanzione amministrativa deve essere correlata al danno che arrecato e non come avviene oggi per gli evasori che evadono 100 e la sanzione è 10 quindi conviene comunque evadere. Le sanzioni devono essere superiori ai guadagni ricevuti. In caso contrario è inutile fare una legge

  • Pingback: Lobby, ecco che cosa regolamentare - Blog-VoxPopuli | Blog Economia | Blog Politica()

  • Pingback: Ecco come Nencini vuole regolamentare le lobby - Blog-VoxPopuli | Blog Economia | Blog Politica()

  • Pingback: Ecco come Nencini vuole regolamentare le lobby - Formiche.net()