Fatti, nomi, ipotesi e qualche cinguettio...

Ma perché Matteo Renzi non è andato a Cernobbio per l’annuale workshop? Perché snobba, come dice, l’establishment e i salotti buoni, come ha detto al confindustriale Sole 24 Ore? Perché impegnato al summit Nato in Galles? O perché ha sentito odor di Passera a Cernobbio?

In effetti proprio in uno dei seminari che organizza The European House Ambrosetti l’ex banchiere ed ex ministro dello Sviluppo economico nel governo Monti, Corrado Passera, aveva svelato di avere davvero intenzione di dedicarsi alla politica.

Tanto che ha costituito un movimento Italia Unica che dopo presentazioni nazionali e incontri in tutte le regioni si sta radicando in tutta Italia. L’obiettivo che lo stesso Passera, con gli altri dirigenti del movimento Italia Unica, ha dichiarato è quello di essere il punto di riferimento dell’area moderata, fra le critiche in particolare di altri leader come Angelino Alfano. Passera non nasconde l’ambizione di essere l’anti Matteo Renzi come lui stesso si è di fatto definito.

Inoltre il workshop di Cernobbio è da sempre un appuntamento ad alto tasso di montismo. Peccato che nel frattempo Mario Monti non sia più tanto renziano, come lo era fino a poco tempo fa. Tanto che due giorni fa – mentre di recente aveva sottolineato che Renzi stava proseguendo di fatto l’Agenda Monti, come sostenuto anche dai montiani pro centrosinistra in Scelta Civica – l’ex commissario europeo ed ex premier ha sibilato: “Io ho fatto riforme, non slide“. Un buon motivo dunque per il premier e segretario del Pd per andare al Forum?

Ecco alcuni dei tweet sul caso Renzi-Cernobbio selezionati dalla redazione di Formiche.net:

Condividi tramite