«Berlusconi? Non sono una sua emanazione, non lo sono mai stato. Anzi non ho mai lavorato neppure un minuto per lui. Che poi talvolta gli interessi della Lega calcio e di Infront abbiano coinciso con quelli di Mediaset è un altro discorso… E non sono neanche – aggiunge – il padrone del calcio italiano. Al contrario, io ho venti padroni, i presidenti di serie A. E ci tengo a dire che loro sono compatti, non esiste spaccatura in Lega sui diritti tv: tutte le delibere sono state prese all’unanimità, tranne una in cui c’è stato un astenuto. Andrea Agnelli? Normale dialettica la sua, l’altro giorno ha fatto delle osservazioni ed ha ottenuto risposte che lo hanno soddisfatto, tanto è vero che ha votato a favore. Ed ha chiesto, come gruppo e non come Juventus, se si può investire su Lega calcio tv…”. 

Chiuderemo a 1 miliardo e 220 milioni. Ricordo che abbiamo preso la Lega nel 2010, l’insieme del fatturato delle singole società era di 720 milioni. Quindi abbiamo fatto +72-73% in 5 anni. Abbiamo preso la Coppa Italia che fatturava 5,8 milioni, quest’anno ne fatturerà 45. La serie B non andava in onda (né su Sky né su Mediaset) abbiamo fatto un’offerta garantendo l’importo per unirci al rischio, adesso la serie B tende a 25 milioni. Quindi siamo molto soddisfatti del lavoro che abbiamo fatto». Lo ha dichiarato oggi all’ANSA, Marco Bogarelli – presidente di Infront Italy, advisor della Lega calcio serie A-Tim nella valorizzazione del mercato dei diritti audiovisivi del calcio.

Condividi tramite