Skip to main content

DISPONIBILI GLI ULTIMI NUMERI DELLE NOSTRE RIVISTE.

 

ultima rivista formiche
ultima rivista airpress

Che cosa (non) ha deciso la Banca d’Inghilterra

La Bank of England (BoE) ha mantenuto invariato il tasso di riferimento. Un membro su nove ha votato a favore di un rialzo già oggi. L’attesa degli operatori era per due membri contrari al mantenimento dei tassi fermi.

È stato pubblicato l’aggiornamento dell’Inflation Report che ha spostato in avanti di un trimestre il timing previsto per il raggiungimento del target di inflazione al 2%, ora fissato al terzo trimestre 2017.

Sul tale rinvio hanno inciso sia il calo del petrolio sia il rafforzamento della sterlina degli ultimi 3 mesi.

Rialzo tassi: su questo tema è emerso quanto segue:

Dalle minute, la percezione che un primo rialzo ci sarà non prima degli inizi del 2016 ed in ogni caso si tratterà di un rialzo “più graduale e verso un livello più basso rispetto al recente passato”;

Dalle dichiarazioni di Mark Carney (nella foto), governatore della BoE, l’attesa di rialzi ad un ritmo non superiore a 25pb.

La BoE fino a quando non alzerà i tassi, continuerà a reinvestire i proventi derivanti dai titoli in scadenza acquistati in precedenza nell’ambito del piano di Quantitative Easing. I titoli in portafoglio non saranno venduti fino a quando il tasso di riferimento non sarà “materialmente più elevato”.

Reazione del mercato: la sterlina è passata da 1,56 a 1,55 circa verso dollaro, provando a riposizionarsi sopra quota 0,70 vs euro.

grafico

(Grafico EurGbp spot intraday)

CONDIVIDI SU:

Gallerie fotografiche correlate

×

Iscriviti alla newsletter