Cys4, ecco per chi lavorerà la start up di Carrai e Bellodi nella cybersecurity

Cys4, ecco per chi lavorerà la start up di Carrai e Bellodi nella cybersecurity
Soci, attività e obiettivi della nuova società raccontati da Andrea Stroppa, ricercatore indipendente e senior advisor di Cys4

Cybersecurity come fattore competitivo. È per questa ragione che la start up italiana Cys4, appena avviata, ha deciso di offrire strumenti di protezione per le aziende private: “Nessun rapporto con il settore pubblico”, sottolinea Andrea Stroppa (’94), senior advisor di Cys4, che racconta a Formiche.net gli obiettivi della start up di sicurezza informatica fondata dall’attuale presidente, Marco Carrai (’75), e dall’amministratore delegato, Leonardo Bellodi (’65), già manager di Eni.

COME NASCE CYS4

La compagnia nasce da un’idea di Marco Carrai, manager, imprenditore e amico di Matteo Renzi, e di Bellodi. “Mi sono sempre occupato di sicurezza informatica e sono un ricercatore indipendente – racconta Stroppa -, dopo aver conosciuto Marco e Leonardo ho deciso di aderire a questa avventura imprenditoriale. Mi occupo di gestire e coordinare i progetti, poi c’è un team di tecnici che si occupa della parte operativa”.

DI COSA SI OCCUPA

Cosa significa sicurezza informatica? Vuol dire “rendere sicure le aziende strategiche – spiega Stroppa, il giovane “consigliere anziano” di Cys4 -, offriamo strumenti che supportino le realtà che si muovono in un contesto globalizzato, all’estero, e hanno forti interessi in settori strategici per il proprio Paese, come l’energia o il settore bancario”. “Non abbiamo nessun interesse per il settore pubblico – sottolinea Stroppa – al momento abbiamo rapporti con società private di cui preferiamo non rivelare i nomi”.

LA SICUREZZA DELLE AZIENDE ITALIANE

L’obiettivo di Cys4 è “di portare consapevolezza all’interno delle aziende che hanno degli interessi extra nazionali, che si muovono con l’export. Il problema della sicurezza è importante, fondamentale, ma in Italia lo scenario è ancora molto caotico”. I paesi più all’avanguardia, con una cultura dell’intelligence molto radicata, sono sicuramente il Regno Unito e la Germania. “Le aziende strategiche italiane che lavorano bene e sono importanti a livello globale sono tante – continua Stroppa – ed è importante aiutarle e dare strumenti di supporto ai dirigenti e agli alti ranghi su come non rischiare buchi di sicurezza”.

HACKING TEAM

Sebbene l’obiettivo di Cys4 sia di difesa dei propri clienti, diversamente da quello di Hacking Team che offriva un software per “bucare” le difese informatiche di altri competitor, chiunque lavori con dati sensibili, spiega Stroppa, deve aspettarsi attacchi di questo tipo (l’azienda milanese Hacking Team ha subito un furto pari a 400 gigabyte di documenti riservati, qui tutti i dettagli). “Bisogna essere in grado di non pubblicizzare quello che si fa o per chi lo si fa – ha concluso Stroppa -, la riservatezza è sempre gradita”.

ultima modifica: 2015-08-19T11:30:10+00:00 da Simona Sotgiu

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: