Tutti gli effetti economici per Roma delle Olimpiadi 2024

Tutti gli effetti economici per Roma delle Olimpiadi 2024

Aumento del reddito per famiglie, imprese e Istituzioni, e incremento dell’occupazione. Sono questi gli effetti che potrebbero avere i lavori preparatori e la celebrazione delle Olimpiadi e Paralimpiadi a Roma del 2014 secondo uno studio del Coni realizzato da OpenEconomics e dal CEIS dell’Università di Roma “Tor Vergata”. Totale costi? 4,2 miliardi. Totale benefici? 7,1 miliardi. Ecco tutti i dettagli del report.

IL RISULTATO

I risultati dell’analisi indicano che la realizzazione dei Giochi a Roma nel 2024 sarebbe, con ogni probabilità, “un evento positivo dal punto di vista economico, sia per quanto riguarda l’equilibrio tra costi e benefici, sia più in generale per gli effetti positivi che avrebbero sull’economia locale e nazionale nel breve e nel lungo termine”, si legge nello studio. Questi effetti positivi “riguarderebbero l’incremento aggregato di reddito, la sua distribuzione alle famiglie, alle imprese e alle finanze pubbliche, nonché, l’incremento di occupazione”.

LO STUDIO

Usando un modello economico, lo studio ha simulato gli effetti che le opere realizzate, i lavori preparatori e la celebrazione dei Giochi avrebbero sull’economia locale e su quella nazionale. La valutazione economica dei Giochi olimpici e paralimpici di Roma 2024 mira in particolare a determinare l’impatto dei Giochi sulla qualità della vita dei cittadini più direttamente interessati, stimandone gli effetti diretti, indiretti e indotti rispetto ad una alternativa cosiddetta controfattuale, cioè nel caso in cui i Giochi non fossero ospitati a Roma, e sviluppando, allo stesso tempo, un bilancio economico dei costi e dei benefici individuali corrispondenti a questi effetti.

IMPATTO ECONOMICO DEI GIOCHI

Quali risorse aggiuntive potrebbero attivare le Olimpiadi? In termini monetari, le risorse considerate sono la differenza tra i 5,58 miliardi di euro previsti per l’investimento e la spesa programmata per la parte delle stesse infrastrutture già incluse nei programmi pubblici per gli stessi anni (2017-2023) per Roma e il Lazio, pari 4,03 miliardi di euro.
Gli effetti netti sul valore aggiunto del Lazio risultano pari a circa 4 miliardi di euro, di cui 3,3 nel territorio metropolitano di Roma. Il contributo incrementale alla crescita del PIL della Regione Lazio, inclusa Roma, nel periodo di cantiere (2017-2023) risulta pari a oltre il 2,4% con una media annua intorno allo 0,4%, e una accelerazione di crescita significativa rispetto allo scenario più probabile in assenza delle Olimpiadi.

GLI EFFETTI

Lo studio ha analizzato anche l’effetto sui redditi e di conseguenza sui consumi delle famiglie, stimando un impatto netto pari a 2,9 miliardi di euro, con benefici pari a 1,7 miliardi per le imprese. Considerando anche gli effetti sulle entrate fiscali a livello centrale e locale, l’impatto netto sulle istituzioni risulta pari a 867 milioni di euro. L’effetto netto sulla produzione risulta pari a circa 9 miliardi di euro, con una forte prevalenza (5,7 miliardi) dell’impatto sulle attività di servizi.

OCCUPAZIONE DIRETTA, INDIRETTA E INDOTTA

Tra gli effetti delle Olimpiadi romane lo studio ha considerato quello generato dagli investimenti nel periodo di cantiere, sull’occupazione diretta, indiretta e indotta. L’effetto occupazionale stimato, considerando 6 anni di cantiere, è di circa 177 mila unità di lavoro in tutto il periodo di cantiere, di cui 48 mila direttamente collegate ai lavori preparatori dei Giochi.
Un incremento dell’occupazione pari circa 90.000 unità di lavoro viene inoltre stimato nel decennio successivo alle Olimpiadi, come la conseguenza dell’incremento di efficienza delle infrastrutture (soprattutto quelle sportive) e dell’espansione dei servizi e delle attività economiche ad esse correlate.

(OpenEconomics, spin off dell’Università di Roma “Tor Vergata”,  è una società specializzata analisi di piani e progetti, e nello sviluppo e nell’applicazione di metodologie innovative di valutazione economica e finanziaria)

ultima modifica: 2016-02-17T17:00:35+00:00 da Valeria Covato

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: