A luglio record di occupati, che superano la soglia dei 23 milioni di unità oltrepassata solo nel 2008, prima dell’inizio della grande crisi. Il tasso di inattività scende al 34,4% (-0,3 punti) e tocca il minimo storico. Ma cresce la disoccupazione (+0,2 punti percentuali). Sono questi i principali dati provvisori forniti questa mattina dall’Istat.
“Un altro passo nella giusta direzione, che ci avvicina ai livelli pre-crisi”, ha commentato il ministro del Lavoro Giuliano Poletti. Per il premier Paolo Gentiloni c’è “ancora molto da fare” ma si sentono “gli effetti positivi del Jobs Act”. E il segretario del Pd Matteo Renzi su Twitter si prende qualche merito: “+918mila posti lavoro da febbraio 2014 a oggi. Il milione di posti di lavoro lo fa il Jobs Act”.

Ecco i dati pubblicati dall’istituto di statistica analizzati in dieci punti da Francesco Seghezzi, direttore del centro studi Adapt, su Twitter:

Condividi tramite