Il mare in galleria. A Borgo, a due passi dal Vaticano, onde a regola d’arte

Il mare in galleria. A Borgo, a due passi dal Vaticano, onde a regola d’arte

Il mare ha fatto sempre sognare gli uomini e ispirato gli artisti. Da oggi al 21 ottobre alla Arte Borgo Gallery, a due passi dal Vaticano, in Borgo Vittorio 25, saranno in mostra i dipinti di Susanna Montagna, artista romana con una naturale predilezione per i paesaggi marini e in particolare per le onde.

Le sue opere sono realizzate con materiali diversi su tele di grandi dimensioni: acrilici miscelati con pigmenti puri, acquarelli, gessi, sabbia, pastelli e colori ad olio. Una pittura che rende in maniera realistica l’incresparsi del mare, la trasparenza dell’acqua, i riflessi della luce o il bianco della spuma, suscitando in chi l’osserva un immediato impatto emotivo.

Le onde di Montagna sono le sole protagoniste della scena; nei suoi dipinti non ci sono barche, nessuna figura umana o qualsiasi altro punto di riferimento. La sua abilità sta nel saper riproporre un unico soggetto senza mai cadere nella monotonia; nei suoi lavori il mare è un continuo cambiamento di forme e di colori, uno spettacolo inatteso, meraviglioso, una di quelle cose che non si finirebbe mai di guardare.

Nuotatrice instancabile e amante dell’acqua in tutte le sue forme, Montagna è diplomata alla scuola universitaria per interpreti-traduttori; ha frequentato istituti d’arte a Roma e iniziato la sua attività come decoratrice e restauratrice.

Per questa artista romana il mare rappresenta il simbolo della fuga dai vincoli sociali, il luogo della libertà assoluta. Un mare che può ingrandirsi fino a diventare oceano o rimpicciolirsi fino a diventare un’onda che si frange sulla riva Nei suoi quadri le raffiche di vento scuotono la massa d’acqua, innalzano spruzzi altissimi che si uniscono quasi alle nuvole sull’orizzonte. Ogni onda si trasforma così in un racconto che finisce là dove finisce il mare. Una mostra da non mancare per chi ama il mare e si sente un po’ sognatore.

montagna 1 montagna 2 montagna 3 montagna 4

ultima modifica: 2017-10-19T16:23:40+00:00 da Gianfranco Ferroni

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: