Il centrodestra prova a compattarsi sulla flat tax

Il centrodestra prova a compattarsi sulla flat tax

La parola chiave è flat tax. Divisi su alcuni temi, ma uniti sull’aliquota unica. Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, seppur con visioni differenti circa i metodi di applicazione della riforma fiscale, concordano sull’introduzione della cosiddetta tassa piatta. In vista delle politiche, la flat tax potrebbe rappresentare il punto d’incontro del programma elettorale condiviso da Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia, il collante per unire i partiti principali che, insieme con gli alleati, formeranno la coalizione di centrodestra nella corsa a Palazzo Chigi. Se su altre grandi questioni come Europa e welfare i tre leader sono ancora distanti, la flat tax, per Berlusconi, Salvini e Meloni, è indispensabile per il rilancio economico del Paese.

L’APPELLO DI PARISI

La scorsa estate era stato il fondatore di Energie per l’Italia, Stefano Parisi, a invitare il centrodestra a sposare il modello di flat tax elaborato dall’Istituto Bruno Leoni. “Energie per l’Italia”, aveva detto Parisi, “propone a tutto il centrodestra di fare propria questa proposta. Se tutti fossimo d’accordo a sostenerla avremmo un chiaro obiettivo da realizzare nel corso della prossima legislatura”. La tassa piatta è decisiva anche per Salvini: “La nostra ricetta per la crescita si chiama flat tax. Oggi la crescita c’è solo se ripartono i consumi e questi riprendono solo se gli italiani hanno più soldi in tasca da spendere”. Idem per Meloni: “Se riusciremo ad andare al governo dovremo fare nei primi 100 giorni un provvedimento per una flat tax sul reddito incrementale. Questo si può fare subito”. L’ultimo in ordine di tempo a ribadire la necessità della flat tax è stato Berlusconi, intervistato dal direttore di Tgcom24, Paolo Liguori. “La riforma fiscale che proponiamo è la tassa piatta e uguale per le famiglie e per le imprese”, ha detto l’ex presidente del Consiglio prima di ricordare che la flat tax, per la prima volta, è stata applicata nel 1947 a Hong Kong.

LA CONVENTION AZZURRA

Alla fine di novembre, il tema della flat tax è stato al centro di #IdeeItalia, la convention azzurra organizzata da Paolo Romani e Maria Stella Gelmini. All’evento aveva partecipato anche il presidente dell’Istituto Bruno Leoni, Nicola Rossi, che aveva mostrato alla platea il modello di flax tax dell’Ibl. “Ciò che proponiamo noi è fare pulizia e chiarezza dell’intero assetto. Via tutte le cose che non capiamo e spazio a una sola aliquota per tutte le imposte, dall’Irpef all’Ires, sino all’Iva e pure per i redditi da capitale”. Dopo di lui, era stato il leghista Armando Siri, che segue il dossier della flat tax per conto di Salvini, a illustrare il suo progetto di riforma fiscale. “Il nostro sistema avrebbe un duplice merito: farebbe uscire il sommerso, visto che pagare le tasse converrebbe a chiunque, e permetterebbe allo Stato di risparmiare manovre a pioggia dagli effetti temporanei come il Jobs act, perché l’occupazione verrebbe da sé, ridando ossigeno alle imprese”.

LE DIFFERENZE SULL’ALIQUOTA

Tutti d’accordo sulla flat tax, ma Berlusconi, Salvini e Meloni devono ancora trovare un compromesso sull’aliquota fissa. Per l’Ibl dovrebbe essere del 25%. Una percentuale simile a quella prevista da Berlusconi, che s’aggira intorno al 23%, anche se sul sito di Forza Italia, in un videomessaggio, l’ex presidente del Consiglio parla di “cancellare il complicatissimo sistema attuale di aliquote differenti, di deduzioni, di detrazioni e sostituirlo con un’aliquota unica del 20%”. Per Salvini e Meloni, invece, l’aliquota della flat tax dovrebbe essere fissata al 15%. “Per come stanno le cose oggi”, è l’opinione di Siri, “la flat tax al 25% penalizzerebbe più di 40 milioni di contribuenti, che sono anche quelli più poveri. È per questo che il progetto della Lega è rilanciare con una proposta più bassa, attorno al 15%, così da non gravare sulle fasce della popolazione in maggiore difficoltà”. L’aliquota oscilla, ma la tassa piatta è ben salda nel programma del centrodestra, che fa della flat tax la parole chiave per aprire le porte di Palazzo Chigi.

ultima modifica: 2017-12-13T07:15:47+00:00 da Filippo Merli

 

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: