React, tutti gli obiettivi del nuovo osservatorio sul radicalismo

React, tutti gli obiettivi del nuovo osservatorio sul radicalismo
L'iniziativa verrà presentata il 17 aprile presso la Camera dei Deputati alla presenza del ministro della Difesa Elisabetta Trenta

Prevenire il radicalismo per contrastare il terrorismo. È il tema della mattina di studio durante la quale verrà presentato ufficialmente ReaCT, un nuovo Osservatorio sul radicalismo e il contrasto al terrorismo.

L’EVENTO

L’evento, in programma mercoledì 17 aprile dalle ore 9.30 a Roma presso la Camera dei Deputati (sala ‘Tatarella’ in via Uffici del Vicario, 21) e patrocinato dal ministero della Difesa, sarà aperto proprio dalla titolare del dicastero di Via XX Settembre, Elisabetta Trenta. Successivamente al tavolo dei relatori siederanno tra gli altri Claudio Bertolotti (Ce.Mi.S.S.); Paola Giannetakis (Università Link Campus); Andrea Carteny (CEMAS); Marco Lombardi (ITSTIME); Andrea Manciulli (Europa Atlantica); Matteo Bressan (SIOI); Chiara Sulmoni (START InSight); Luigi Iovino (deputato, Commissione Difesa); e Alberto Pagani (deputato, Commissione Difesa). Chiuderà l’incontro il sottosegretario di Stato alla Difesa Angelo Tofalo. Per parteciparvi è necessario accreditarsi scrivendo a info@startinsight.eu.

LO SCENARIO

“L’Europa”, spiegano gli organizzatori, “negli ultimi anni si è scoperta incubatrice di jihadisti, reclutatori, militanti e simpatizzanti delle ‘bandiere nere’ o di altre sigle estremiste. Con la radicalizzazione (non solo islamista) ci confronteremo ancora a lungo, a dirlo sono i numeri e i fatti. Da qui l’importanza dell’inchiesta e della ricerca, che da un punto di vista multidisciplinare e comparativo, permette di confrontare anche ciò che viene fatto nelle diverse nazioni per contrastare il fenomeno, fornendo prospettive e dati utili a chi si muove sul territorio nel settore della prevenzione”.

L’OSSERVATORIO

Nasce così, si spiega ancora, l’idea di fondare l’Osservatorio sulla Radicalizzazione e il Contrasto al Terrorismo – ReaCT – sotto forma di un tavolo tecnico-accademico “che unisce la competenza professionale e operativa con la ricerca e lo studio sul campo: una realtà non a scopo di lucro finalizzata a raccogliere e promuovere analisi, approfondimenti e iniziative attorno al tema. L’obiettivo è di mettere a disposizione le capacità e le conoscenze dei singoli partner e membri dei suoi vari organi, a favore del dibattito pubblico e delle istituzioni impegnate nel contrasto al radicalismo e al terrorismo”.

ultima modifica: 2019-04-11T17:33:06+00:00 da Federica De Vincentis

 

 

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: