Al Salone di Torino anche le storie “Scritte a voce” e da ascoltare sui podcast

Al Salone di Torino anche le storie “Scritte a voce” e da ascoltare sui podcast
Storielibere.fm propone agli ascoltatori podcast “scritti a voce”, storie raccontate in audio digitale e da ascoltare gratuitamente sulla stessa piattaforma o sulle principali App. Durante tutta la fiera del libro è possibile ascoltare "Il diario" del direttore del Salone, Nicola Lagioia, appuntamento quotidiano per gli eventi della fiera

Ci sono anche cuffie per l’ascolto nel mare di pagine che popolano Il Salone del Libro di Torino. È anche questa una delle novità della 32esima edizione dell’appuntamento italiano per eccellenza con la cultura e la narrativa. Sì perché chi ha tempo (e voglia) di leggere, pare abbia tempo anche per ascoltare. Non è un mistero, infatti, che il censimento delle due popolazioni, quella dei book lovers e quella di chi ascolta podcast, siano spesso sovrapponibili. E non a caso, un interessante protagonista di questa edizione del Salone, la piattaforma Storielibere.fm, propone agli ascoltatori podcast “scritti a voce”, redatti da penne prestigiose, raccontate in audio digitale e da ascoltare gratuitamente sulla stessa piattaforma storielibere.fm o sulle principali App, quali Spotify, iTunes e Podcast, Spreaker, Google Podcasts.

MA COS’È UN PODCAST?

Attenzione però a non confondere il mondo dei podcast con quello degli audio-libri. I podcast originali, come quelli di Storielibere.fm, sono vere e proprie storie create appositamente per essere raccontate a voce. E il fenomeno convince sempre più: a giudicare dall’espansione già misurata in America (basti pensare che Spotify ha deciso di investire nel 2019 circa 500 milioni di dollari per acquisire  produttori di contenuti per podcast), nei prossimi mesi, quella dei “podcast originali” promette di diventare una grande tendenza anche in Italia.

Non è un caso, infatti, che autori prestigiosi abbiano deciso di declinare il proprio talento narrativo anche in formato audio digitale. Il podcast “Morgana” di Michela Murgia, ad esempio, è già stato scaricato da oltre 350mila persone. Un successo non scontato per una piattaforma di podcast audio d’intrattenimento e narrazione nata appena un anno fa, che ha timidamente debuttato al Salone nella scorsa edizione, e che partecipa quest’anno con un poker di nomi. Oltre a “Morgana, storie di ragazze che tua madre non avrebbe approvato” con le autrici Michela Murgia e Chiara Tagliaferri, ci saranno infatti Giancarlo De Cataldo, Jacopo Pozzi, Francesco Pacifico, Matteo B. Bianchi, Melissa Panarello, Massimo Temporelli.

LA RADIO

In occasione del Salone del Libro, inoltre, nasce anche Radio Storielibere, il podcast che segue tutti gli eventi firmati storielibere.fm e che ospita “Il diario” dello scrittore Nicola Lagioia, direttore del Salone del Libro e vincitore del premio Strega nel 2015 con il romanzo “La ferocia”: un appuntamento quotidiano da non perdere con tutte le novità e gli eventi del Salone, tutto da ascoltare in formato podcast.

 

ultima modifica: 2019-05-10T08:53:50+00:00 da Guendalina Dainelli

 

 

Chi ha letto questo articolo ha letto anche: